Salerno, aggredita con spinte e calci la figlia del tecnico del Pescara Grassadonia - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
15
Mar, Giu

Salerno, aggredita con spinte e calci la figlia del tecnico del Pescara Grassadonia

Sport
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Aggredita sotto casa a Salerno la figlia 18enne di Gianluca Grassadonia, allenatore del Pescara. Il tutto a pochi giorni dalla sfida Pescara-Salernitana di lunedì sera, partita che potrebbe decretare la promozione del club campano in Serie A. A denunciare l'episodio è stata la madre della ragazza, e coniuge del tecnico del Pescara, Annabella Castagna su Facebook.

"Dopo cinque giorni di minacce dirette alla nostra famiglia, quest'ultima follia è intollerabile - lo sfogo della moglie di Grassadonia - Nostra figlia, appena diciottenne, è stata aggredita con spintoni e calci affinché il papà capisca... tutto questo per una partita di calcio. Ci auguriamo che questi criminali, ben lontani dall'essere tifosi, vengano identificati la più presto, anche perché questa è la prima volta in cui il bersaglio della violenza è stato un componente della nostra famiglia. Ringraziamo tutti coloro che ci hanno mostrato solidarietà, in queste ore così tristi e concitate, ma mi sembra chiaro che ora più che mai la nostra vita continuerà lontano da Salerno. Ci auguriamo che civiltà e rispetto possano divenire prerogativa di tutti", ha scritto la moglie di Grassadonia, che con la figlia vive a Salerno. 

SINDACO DI SALERNO - "Un abbraccio alla famiglia Grassadonia. Auspichiamo un rapido e chiaro accertamento di fatti e responsabilità. Non permetteremo a nessuno d'infangare Salerno e di oltraggiare la civile e corretta passione granata confondendola con il gesto di qualche isolato sconsiderato" ha detto il sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli.  

SALERNITANA - "L’U.S. Salernitana 1919 stigmatizza e condanna i comportamenti intimidatori ed offensivi messi in atto in queste ore da qualcuno nei confronti dei familiari dell’allenatore del Pescara Calcio, il signor Gianluca Grassadonia. Una partita di calcio, pur se importante e decisiva, resta tale e non può scatenare simili manifestazioni di violenza verbale. Tutto deve restare nell’ambito della vicenda sportiva e sul rettangolo di gioco" comunica la Salernitana in una nota dopo l’aggressione.  

PESCARA - “La Delfino Pescara 1936, dopo i gravissimi fatti accaduti nella notte, comunica che il tecnico #BiancAzzurro Gianluca Grassadonia non rilascerà alcuna intervista o svolgerà conferenza stampa pre partita in vista della gara #PescaraSalernitana, ma garantirà come sempre la propria professionalità cercando di preparare al meglio la partita in programma lunedì pomeriggio allo Stadio Adriatico" scive poi in una nota il Pescara. Domani la Salernitana giocherà proprio a Pescara (squadra già retrocessa) per l’ultima di campionato e con una vittoria sarebbe promossa in Serie A. "La Delfino Pescara 1936 oltre a porgere il messaggio di solidarietà al proprio tecnico, si è subito prodigata affinché la famiglia Grassadonia raggiunga al più presto Pescara per garantire quella serenità purtroppo venuta meno nella loro città di origine".