Tokyo 2020, Timanovskaya è "al sicuro": non torna in Bielorussia - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
26
Dom, Set

Tokyo 2020, Timanovskaya è "al sicuro": non torna in Bielorussia

Sport
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

L'atleta bielorussa Kristina Timanovskaya è "al sicuro" dopo un presunto tentativo di rapimento. Lo ha detto il Comitato Olimpico Internazionale (Cio). L'opposizione bielorussa domenica ha accusato le autorità di Minsk di aver tentato di rapire l'atleta a Tokyo e di costringerla a rientrare in patria. Il portavoce del Cio, Mark

Adams, ha dichiarato che ha trascorso la notte in un hotel all'aeroporto Haneda di Tokyo in un "ambiente sicuro". Ora è sotto la custodia delle autorità locali e il Cio ha chiesto al Comitato olimpico bielorusso un rapporto scritto sulla questione. I rappresentanti del Cio le hanno parlato direttamente nella notte: Timanovskaya ha assicurato loro di sentirsi al sicuro, ha detto Adams. 

Nelle prossime ore sono previsti ulteriori contatti tra le autorità e l'atleta, anche per definire i prossimi passi. Timanovskaya è stata intercettata all'aeroporto mentre si apprestava a partire con un gruppo di connazionali. L'atleta si sarebbe rivolta alla polizia giapponese in aeroporto. 

Timanovskaya avrebbe dovuto scendere in pista oggi per le prime batterie dei 200 metri. Il Comitato olimpico bielorusso ha annunciato che la velocista non avrebbe gareggiato a causa della sua "condizione emotivo-psicologica". Timanovskaya ha smentito la versione ufficiale con un post su Instagram e all'emittente Euradio ha denunciato apertamente: "Mi hanno appena detto di fare le valigie e volare a casa". I media indipendenti bielorussi hanno riferito che la 24enne è stata portata all'aeroporto dopo aver espresso commenti critici sui funzionari sportivi bielorussi a Tokyo. All'aeroporto, però, l'atleta si è rivolta alla polizia bloccando di fatto il rientro in patria.