Tokyo 2020, eliminata dai Giochi la prima atleta transgender - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
23
Gio, Set

Tokyo 2020, eliminata dai Giochi la prima atleta transgender

Sport
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Tre tentativi falliti nel sollevamento pesi alle Olimpiadi di Tokyo 2020. Non ce l'ha fatta Laurel Hubbard , la prima atleta dichiaratamente transgender della storia che compete ufficialmente alle Olimpiadi in una categoria di genere diversa da quella che aveva alla nascita.

alternate text

 

La donna trans neozelandese, nata 43 anni fa ad Auckland come Gavin Hubbard, ha terminato i Giochi, dopo aver fallito nel tentativo di sollevare 120 kg e dopo due tentativi andati a vuoto di sollevare 125 kg. "Non sono del tutto all'oscuro delle controversie che circondano la mia partecipazione ai Giochi - ha detto Hubbard dopo essere uscita - e per questo voglio ringraziare in particolare il Comitato Olimpico" per aver riaffermato che "lo sport è per tutti, è inclusivo e accessibile".