Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Mer, Apr
Annunci AdSense
home-1-ads-ct-tda-004
Annunci AdSense
article-top-ads-ct-art-001

Il replicatore di Star Trek è quasi realtà - VIDEO

Il replicatore di Star Trek è quasi realtà - VIDEO

Tecnologia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

E' una stampante in 3D che 'scolpisce' con la luce

La copia in miniatura de 'Il pensatore' di August Rodin ottenuta con la nuova stampante 3D che utilizza una resina che solificia con la luce (fonte: UC Berkeley/Stephen McNally) ©
La copia in miniatura de 'Il pensatore' di August Rodin ottenuta con la nuova stampante 3D che utilizza una resina che solificia con la luce (fonte: UC Berkeley/Stephen McNally) ©

 

Come il replicatore di Star Trek costruisce e modella qualsiasi oggetto su richiesta e nelle forme più complesse, anche se a differenza del replicatore della fantascienza ha bisogno di materia prima da plasmare: è la nuova stampante 3D che riesce a plasmare e modellare liquidi viscosi utilizzando la luce, al punto da riuscire a produrre una copia in miniatura de 'Il pensatore', la celebre statua di Auguste Rodin. La macchina, descritta sulla rivista Science, si deve al gruppo dell'università della California a Berkeley guidato da Hayden Taylor.

Rispetto alle tradizionali stampanti 3D, il replicatore è in grado di produrre oggetti più flessibili, morbidi e complessi; può inoltre rivestire oggetti esistenti con materiali nuovi, aggiungendo ad esempio un manico a un cacciavite di metallo, modificando protesi o lenti per gli occhiali.

 

Il mini-cacciavite il cui manico è stato stampato in 3D (fonte: UC Berkeley/Stephen McNally)
Il mini-cacciavite il cui manico è stato stampato in 3D (fonte: UC Berkeley/Stephen McNally)


Un altro cambiamento importante è nel fatto che la nuova stampante non funziona sovrapponendo strati di materiale (una tecnica che inevitalbilmente genera una sorta di effetto-scalino lungo i bordi), ma utilizza come 'inchiostro' un liquido viscoso che reagisce alla soglia solidificandosi: si tratta di una resina composta da polimeri liquidi. molecole sensibili alla luce e ossigeno disciolto.

La resina sensibile alla luce utilizzata nella nuova stampante 3D (fonte:UC Berkeley/Stephen McNally)
La resina sensibile alla luce utilizzata nella nuova stampante 3D (fonte:UC Berkeley/Stephen McNally)


I ricercatori hanno messo alla prova la nuova stampante realizzato oggetti dalle forme più diverse, dalla miniatura della celebre statua di Rodin fino al modello di un'arcata dentaria. "Con la nostra tecnica non si hanno quasi scarti di materiale - aggiunge Hossein Heidari, uno dei ricercatori - e quello che avanza è riutilizzabile al 100%". (ANSA)

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Annunci AdSense
article-botton-ads-ct-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

Seguici anche su Facebook

il Centro Tirreno - Quotidiano online
Meteo