No vax, Lamorgese: "Toni salgono, c'è il rischio estremismi" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

No vax, Lamorgese: "Toni salgono, c'è il rischio estremismi"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

I no vax, con le loro manifestazioni di protesta contro il Green pass e l'obbligo vaccinale e quellechat in cui ipotizzavano violenze, preoccupano. Ad affermarlo la ministra dell'Interno Luciana Lamorgese, all'evento dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli sul 'Libro Blu 2020'. "La preoccupazione c'è - ha affermato - i toni salgono

sempre di più e il rischio è che ci siano degli estremismi che vanno a incidere su queste manifestazioni e vanno a toccare anche persone che non avrebbero quella tendenza, ma che possono confluire nelle manifestazioni con grande disagio per i cittadini".  

"Al momento i rischi sono soprattutto di lupi solitari e persone disturbate che possono essere inserite in circuiti di questo tipo - ha poi aggiunto la ministra rispondendo a una domanda sui rischi terrorismo anche alla luce della situazione in Afghanistan - Va messa un'attenzione particolare, ma al Viminale abbiamo un organismo, che al G7 ho rilanciato: il Comitato di analisi strategica antiterrorismo, che potrebbe essere preso ad esempio anche per lo scambio informativo oggi più che mai necessario". 

Quanto al "piano vaccinale è andato benissimo anche grazie a Figliuolo. Il numero dei vaccinati ci consente di guardare al futuro con ottimismo, ma non dobbiamo bloccare la ripartenza del Paese: è necessario proseguire su questa strada e il Green pass è uno strumento fondamentale", ha sottolineato Lamorgese.