La scioglievolezza del sacro indefinito
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

La scioglievolezza del sacro indefinito

La scioglievolezza del sacro indefinito

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Cos'è il languore se non quello stato di scioglievolezza che ci coglie? Il languore che passa attraverso lo sguardo è rimandamento all'Assoluto primordiale e a quello stato di sacra latenza in cui ognuno era custodito e conservato dal Tutto in attesa di essere seminato.

Tōensai Kanshi  Raccolta di germogli di bambù in inverno
Tōensai Kanshi - Raccolta di germogli di bambù in inverno

 

La semina è il passaggio dallo stato di latenza a quello spaziotemporale in cui la sacra conservazione di se stessi dovrebbe essere l'impronta del cielo e pertanto permanere. Ragion per cui la semina è presente in diverse parabole e in varie situazioni nel Vangelo. A essa si contrappongono i racconti della pesca. Si raccoglie ciò che viene seminato.

Il languore a volte viene confuso con la malinconia di chi perde la strada di se stesso nel mondo, come ci suggeriscono la letteratura e la filosofia del Novecento. La malinconia è ingresso nella depressione quando il non senso viene percepito non più come carattere transitorio.

La scioglievolezza o languore è la soglia all'ingresso nell'esperienza della maternità. È propria della donna che ha padronanza del suo liquido interiore che riscalda la nuova vita. È l'acqua primordiale e sacra che ritroviamo nei suoi riferimenti in ogni edificio sacro all'ingresso, con cui segniamo il simbolo della croce. Con l'acquasantiera e il liquido che contiene profumato d'incenso, resina preziosa consacrata alla divinità in ogni sua forma, si entra in una nuova prospettiva che attraverso il corridoio poi porta alla soglia absidale in cui si realizza il compimento in Dio. La Chiesa in ogni suo aspetto dal più semplice al più sontuoso rappresenta il corpo della donna e in essa si realizza l'espressione "Madre Chiesa". È un accesso al di fuori e al di dentro della quotidianità. È un iter che l'uomo compie in ogni sua parte che porta alla conquista della dimensione superiore in cui il fedele si ritrova nel divino. Il dentro corrisponde alla dimensione di assorbimento attuata attraverso il percorso per il conseguimento della comunione che dai banchi della platea porta alla nuova soglia absidale.

L'umore è associato allo stato di scioglievolezza che anche l'uomo prova con l'orgasmo. È fusione con Dio, ragion per cui lo stato di ebbrezza erotico viene associato al salto divino che si compie nell'uomo e nella donna attraverso l'atto in sé.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001