Le case perdute
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Le case perdute

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Dante e Beatrice, olio su cartoncino, donato da Annetta Ranzoni, cognata di Daniele,  nel 1918 al pittore Arturo Tosi
Dante e Beatrice, olio su cartoncino, donato da Annetta Ranzoni, cognata di Daniele, nel 1918 al pittore Arturo Tosi

 

Le persone sono luoghi e i luoghi sono anime. Ciò che perdura e slitta sul piano del luce è anima. Si è anima nel prima e nel dopo. Nella pancia della notte che risiede nel prima, e nei bagliori della luce che sono il dopo.

Questo è quanto attiene alla cultura ancestrale della dea Madre. La Madre è dea della Materia ed è il nostro antefatto terreno. È anche vero però, che per le civiltà più evolute il cammino di un popolo discende dal cielo ed è quanto tutt'oggi ci suggerisce il simbolo dell'albero capovolto non in antitesi al letto delle memorie ancestrali e primitive relative alla Madre e alla Notte, ma che come specchio aggiuntivo è capace partendo dall'immagine matrice di rintracciare un percorso di esplorazione continua, al fine di una sempre più completa autodeterminazione.

Crescendo l'uomo si svuota, perché l'attività cerebrale recupera sull'attività onirica primigenia e dell'infanzia. A questo smarrirsi segue però un riscontro su altri piani con i luoghi posseduti e che poi tornano a sfuggirci. Sono i luoghi delle memorie forti che hanno assorbito e nel presente veicolano l'impronta di un'età o meglio di un'epoca. Le case antiche abitano in noi e continueranno ad esserci a prescindere da quanto vivranno i loro abitanti che diventano sede dei nostri desideri, delle foreste abitate da pensieri e fobie e di quella pace in cui noi ci ritroviamo. Sono case che non resistono agli urti del tempo e proprio questo scollamento tra il trascorso e l'attuale procura in noi il delirio di uno stordimento che si concretizza all'ombra dei nostri sogni e dietro la trasparenza della mente che ristabilisce legami interrotti pur conservandone il mistero.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001