Sulla via della compiutezza
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Sulla via della compiutezza

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Sulla via della compiutezza
Sulla via della compiutezza

 

La Poesia è un gatto che dorme. La quiete che desta un camino acceso in una burrascosa sera invernale.

È curioso come la Poesia desti sentimenti di una ritrovata pace o al tempo stesso, lasci espandere passioni sopite.

La tranquillità e il suo opposto tumulto interiore in essa si combinano, dando sfogo a quel senso di felicità che è rinnovata espansione dell'anima. Esaustività frutto di un ascolto che solo un'opera d'arte nella sua compiutezza e universalità è in grado di infondere.

La felicità in un mondo che ha perso la capacità dell'ascolto è il senso di appagamento che nell'immediato un'opera realizza. La solitudine interiore necessaria ad accogliere la profusione estetica è culla e germoglio della felicità che la persona in grado di elevarsi attraverso la fruizione di un'opera d'arte incontra.

La capacità di emozionarsi fa la differenza tra il colto e colui che resta nella dimensione di una mediocre esistenza. La capacità di emozionarsi oggi è allentata da una cultura che di estetico in relazione all'estasi come grado di elevazione raggiunto non è più capace di offrire. L'emozione e la conseguente meraviglia sono oggi confuse con ciò che appare straordinario in quanto innaturale, ossia artificiale, e che in quanto tale non innalza né tanto meno edifica aiutando l'uomo a ritrovarsi.

Il Magnifico è nella Natura di cui il sommo poeta coglie le spoglie per rilanciarle in una nuova primavera che trova terreno fertile in chi è in sintonia animica con lui. È così che il fruitore in grado di meravigliarsi lascia incontrare il particolare e l'Universo intero, quest'ultimo nel Romanticismo contemplato con il nome inclusivo, mai generico, di Natura.

La Natura è Madre e in essa trova compimento e stimolo ogni forma di strabiliante commozione. Per il colto la commozione è il sentimento che lo porta alla comprensione di tutte le cose. È la scintilla che accende le sue interiorità e fa sì che gli stati transitori di gioia, dolore e apatia trovino una loro compiutezza.

La felicità allora, non può essere considerata disgiunta dalla saggezza. È salire verso le stelle e scendere nelle cavità più profonde, in cui ritrovare il senso smarrito di tutte le cose.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001