La luna nel pozzo e le vie magiche della conoscenza
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

La luna nel pozzo e le vie magiche della conoscenza

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
La luna nel pozzo e le vie magiche della conoscenza
La luna nel pozzo e le vie magiche della conoscenza

 

Per guardare nel fondo del pozzo occorre tuffarsi nella notte e avvertire su di sé la presenza magica della luna. Allora apparirà ciò che la luce aggressiva del giorno nasconde. Come pure, occorre essere simile alle cose che s'indagano per comprenderle davvero, ossia nel vero.

La luna si specchia nel pozzo e lo fa senza volerlo, come accade ai processi di vera conoscenza stimolati ma non forzati. La luna si guarda nel pozzo dando vita a un'immagine poetica, che è più di una metafora, ed è bellissima. È il volto della donna compiaciuta non di esistere ma di essere. Il pozzo ci rimanda ciò che siamo e questo, in un mondo che apre diverse fratture riguardo al rapporto essere-immagine è di un'eloquenza straordinaria. La luna è la donna che nell'oscurità si afferma, prendendo posizione nella società patriarcale che seppur la contrasti, le riserva uno spazio di potere nell'economia domestica che influirà anche nella crescita della prole. La luna è la donna e la luna piena che si specchia nel pozzo diviene per vie traslate rappresentazione della fortuna. La fortuna è indovinare il giusto monento. La fortuna sceglie e conferisce potere a chi l'asseconda. Ha una sua logica che alla logica sfugge e come la luna sul pozzo, facilmente si sposta uscendo di scena.

Spesso la parola "fortuna" viene associata a "destino". Entrambi piovono dall'alto, ma se la prima è in relazione ai misteri rappresentati dalla notte e dalla sua regina, la luna, il destino deriva dalle stelle. È una parte della sostanza siderale che cade, come dice la parola stessa, di derivazione latina, per imprimere nrll'eletto un'impronta di eccezionalità. Il destino ha forgiato individui straordinari, persone di grande caratura spirituale e non guarda alla fortuna. Si può essere marchiati di eccezionalità che porta ad eccellere se vengono seguite le inclinazioni date dal destino, ed essere al contempo persone sfortunate o sofferenti. il destino del mistico sposa il lato oscuro di Dio e lo inclina a sviluppare attitudini del tutto estranee alla gente comune.

Esiste la fortuna, il destino ed esiste il fato, l'impronta non della predestinazione ma di quanto viene proferito dal veggente. Il fato è il mistero pronunciato, è la via tracciata dalle anime sensibili col dono di rivelarlo. È del profeta e di colui che viene preannunciato prima che compaia sulla soglia di questa vita. "Fato" e "destino" s'incontrano nelle personalità forti, capaci di scolpire l'orma della loro venuta nel mondo. Se la fortuna è delle persone comuni, il destino è delle anime prescelte o appunto predestinate, chiamate a comparire su questa terra per segnare l'alba di una nuova umanità. Il predestinato che assolve anche a compiti nel sociale è spesso preannunciato da chi ha doni profetici e costui nei grandi miti non smetterà mai di camminare al suo fianco, come ritroviamo nelle versioni più accattivanti del mito arturiano, nel rapporto tra Merlino, mago più che profeta, e Artù.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001