Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
14
Mer, Nov
0 New Articles

Abbiamo 60 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
Home 1
Annunci AdSense
art-top

La Vergine e la rosa

La Vergine e la rosa

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Nel mese di ottobre si celebra la Madonna del Rosario.

Francesco Raibolini detto Francia, Madonna delle Rose, 1500
Francesco Raibolini detto Francia, Madonna delle Rose, 1500

A ottobre l'estate non e' ancora un tenue ricordo e il clima, nonostante le fioche ore di luce, porta i giardini a colorarsi oltre che di foglie anche di fiori. E' uno sbocciare continuo di petali e foglie, un transire tra momenti e tonalita' di per se' unici e irripetibili. La donna e' transizione e la Vergine in quanto tale e' la regina dei passaggi, di quella varieta' e variabilita' al servizio della vita che fa germoglire stupore e meraviglia. Il momento e' l'embrione del passaggio inteso come ponte verso una fase piu' matura. Passare e' maturare in una scala che dal basso ci porta a raggiungere le nuvole e le vette dell'umana perfezione.

La rosa e' la fioritura dell'attimo,la stella dei prati celesti. Basta una rosa a far dire di un luogo un'aiuola o un giardino. Parimenti una stella nel buio ci fa riconoscere il campo notturno che ci sovrasta. Il rosario, il mantra dei Cristiani, e' una scala circolare che dal punto di partenza, un'aiuola sperduta, ci fa accedere a una consapevolezza di Fede molto profonda e per tappe alle soglie del Cielo. La rosa non e' emblema di caducita', bensi' di sorveglianza e pudore, di quel senso di pulizia che oggi abbiamo smarrito. La rosa e' femmina piu' che donna. E' la mandorla e la conchiglia che serbano e proteggono il frutto o il loro centro. I petali abbelliscono e tutelano. La rosa e' il premio ai patimenti affrontati e superati nella vita. Le spine sono i pioli di una scala che parte dal basso e ci orienta verso il cielo.

La rosa e' il sole delle anime che dimorano nella grazia di Dio. La Madonna di Lourdes e' spesso raffigurata con ai piedi due rose a ricordare il percorso compiuto dal dolore per la Passione del Figlio, fino all'Assunzione. Nata senza macchia, i piedi non poggiano su eperienze turpi ma sono tramite di elevazione fino alla Sorgente purissima da cui discende la misericordia di Dio, di un Dio materno, filtrato nella memoria collettiva dalla figura di Maria. Dio e' meritevole di lode e fonte di misericordia e la nostra vita e' inscritta nel cerchio che dal principio dell'anno fino al Solstizio di giugno suona come una benedizione che poi assume note gloriose fino al Solstizio d'inverno. Se la Misericordia e' divina, la compassione e' umana e simbolo di fratellanza sorta sulla comunione in Dio.

La lode e' umana e richiama la grazia, una grazia che ci riassume in Alto e ci rende partecipi di una nuova rinascita che a fine anno si autoconclama con la venuta di Cristo nel mondo. In un'alternanza di salite e discese si compie e concretizza il dialogo tra uomo e Dio, un dialogo mai dogmatico ma reso consapevole attraverso i passaggi di crescita nell'arco dell'anno e i momenti di Fede, i riti e le Feste che presiedono alla Comunione fraterna e divina.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
art-bot

Seguici anche su Facebook

Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home 2