Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
21
Mer, Nov
0 New Articles

Abbiamo 36 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
Home 1
Annunci AdSense
art-top

La societa' di ibridi nell'era del virtuale

La societa' di ibridi nell'era del virtuale

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La Storia e' un ripetersi di corsi e ricorsi storici in cui l'uomo mette a dura prova se stesso a fianco dei propri ideali.

La societa' di ibridi nell'era del virtuale
La societa' di ibridi nell'era del virtuale

 

Il Romanticismo rispolvera il mito dell'eroe attualizzandolo e dandogli quella valenza storica e quella concretezza prima astratte. La misura con cui l'uomo s'inserisce nei mutamenti storici non e' slegata dal ruolo del Destino che gode di una sua particolare controfigura riconoscibile nell'agire umano. Vico, uomo del Romanticismo figlio a sua volta dell'Illuminismo, mette a punto la sua visione storica sconfinando nel non personalmente verificabile, esponendo una concezione universale della storia nel suo eterno ed invincibile ripetersi. Il dato nuovo e di fuga rispetto a questi immutabili meccanismi ci giunge dall'era attuale in cui l'uomo in una vertiginosa escalation va lasciando un sempre maggiore margine di azione alla tecnologia.

L'elemento del tutto nuovo e di rottura rispetto ai precorsi cicli storici e' rappresentato dall'ingerenza crescente delle macchine e della completa o quasi sostituzione della mente umana ad opera dei cosiddetti cervelli elettronici oggi conoscuti come computers.Tale novita' non e' ristretta solo alle industrie per l'ingresso di efficientissimi robot. Dalle fabbriche sta invadendo ogni campo dell'agire umano e del pensiero. Le lavagne elettroniche, i registri elettronici, le ore di computer inserite nei programmi scolastici stanno ridisegnando un volto nuovo della scuola che stenta a riconoscersi nel significato primitivo di luogo della formazione del Pensiero.

L'utilizzo del computer ha ormai varcato ogni frontiera preparandoci a una nuova psicologia sociale che ha come protagonista l'ibrido. La responsabilita' umana mostra qui preoccupanti cedimenti nella misura in cui l'ingordigia di voler andare oltre le possibilita' imposte dalla nostra natura finita prepara a un utilizzo incosciente e irresponsabile delle macchine. La societa' di ibridi naviga a tutto spiano nell'oceano del presente, inarrestabile dinanzi a ogni tempesta e non lascia impronte se non di razzia e svuotamento del patrimonio umano. A rimetterci sono innanzitutto i consolidati giacimenti della culura etica e spirituale che vedono superata ogni soglia di sbarramento dai fanatici del progresso che come cavalli sbizzarriti proseguono la loro corsa verso nuovi orizzonti di conquista.

Dove sono i confini tra sogno e realta'? Tra desiderio e confronto con se stessi per autodefinirsi? Tra il possibile e il voglio a tutti i costi? La pigrizia mentale di chi sfrutta i mezzi cibernetici a disposizione blocca la voglia di essere presenti a gustare con i sensi luoghi e genti mai visitati. Si esplora vaggiando, stando fermi, mentre la comunicazioe visiva e gestuale irretisce a vantaggio di chi ci vuole governare senza esporsi piu' di tanto, semplicemente mostrando foto truccate che scorrono sui tablet. Il confronto politico e' ormai traslato sul piano mediatico che finge una partecipazione inesistente.

Vogliamo i comizi, vogliamo chi riaffermi quell'umanita' che non ritroviamo nei giochi speculativi delle banche. Vogliamo ritornare in possesso di noi e di chi eravamo prima che sorgesse la nuova era del computer e di un'omologazione a tappeto,stabilita a tavolino. Vogliamo...ma siamo troppo pochi, perche' la giustizia sociale oggi e' una battaglia che non si combatte piu' a suon di diritti del cittadino, ma a suon di quella moneta di cui non saremo mai e poi mai piu' titolari. Era roba di altri tempi, e, mi dipiace per i giovani che verranno, quei tempi mai piu' ritorneranno.

CLICCA QUI'
Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
art-bot

Seguici anche su Facebook

Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home 2