Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
14
Mer, Nov
0 New Articles

Abbiamo 34 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
Home 1
Annunci AdSense
art-top

Escatologia del godimento

Escatologia del godimento

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La vita è iniziare a godersi. Al contrario della superficialità, il godere se stessi è un atto di amore e di cura rivolto alla propria persona non intesa come individuo unico e staccato dal tutto, un automa, bensi’ un essere che in sé ha un bagaglio di anima.

Alexi Zaitsev,
Alexi Zaitsev, "Girls on The Beach"

 

L'esperienza del godimento ha in apparenza qualcosa di viscido se intesa come induzione al piacere assunto a stile di vita.  Il piacere è un vizio che non riempie, svuota nel momento in cui distrae da se stessi. Godere di un qualcosa che aabita fuori di noi esprime una forma di narcisismo che piega l'altro a una condizione di assoggettamento, in quanto ritenuto oggetto. Il godimento di se stessi non ha nulla di lascivo. È un'esperienza che procura pace a chi è in pace con se stesso. È un'esperienza dell'anima spoglia di ogni superfluo e ricondotta all'umilta’ primordiale. Le anime quanto piu’ sono antiche, tanto piu’ sanno godere di se stesse. Godere del poco che si ha non e’ indice di pochezza esistenziale ma di quella ricchezza interiore che oggi tende a svanire. L'attrarre anziché il distrarre va inteso e considerato nella giusta prospettiva. Attraiamo cio’ che siamo, non cio’ che vorremmo insaziabili di una voracita’ esperienziale che ci lascia il vuoto dentro. Si sente parlare spesso di legge di attrazione oggi e a proposito di persone insoddisfatte che avrebbero bisogno di sentirsi piene. Non serve a nulla apprendere delle modalita’ per conseguire un fine, se quel fine non nasce da una riflessione profonda. Attrarre non deve essere quindi un’esigenza, bensi’ il riscontro conseguito dall'incontro con se stessi. La tappa finale di un'esperienza d’amore che si estende ad abbracciare l’altro oltre a se stessi.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
art-bot

Seguici anche su Facebook

Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home 2