Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
13
Mar, Nov
0 New Articles

Abbiamo 59 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
Home 1
Annunci AdSense
art-top

L'eutanasia e lo svolgersi dinamico dell'esistenza

L'eutanasia e lo svogersi dinamico dell'esistenza

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

L'eutanasia non è un argomento facile da trattare, perché obbedisce a un'esigenza, quella umana, di porre fine a un irrimediabile dolore, impedendo alla Provvidenza divina d'intervenire sullo scadere del tempo

L'eutanasia e lo svolgersi dinamico dell'esistenza
L'eutanasia e lo svolgersi dinamico dell'esistenza

 

L'eutanasia va vista pertanto come una via senza ritorno, una porta di accesso su un'altra dimensione fatta di nulla per gli atei, o al contrario fatta di tutto, per chi è animato da una qualsivoglia fede. Comunque sia da intendersi, l'eutanasia è una rinuncia inequivocabile, una ferita senza alcuna possibilità di rimarginazione, che non può che suscitare ripercussioni su chi resta e sugli equilibri di questo mondo.

Ogni fine imposta a un percorso sprigiona conseguenze che si riflettono sui legami sensibili che tengono compatta la realtà, sul quel reticolato di congiunzioni che fa sì che ogni individualità sia parte di altre singole realtà e andando oltre, sia partecipe di quell'insieme che molto semplicemente definiamo pluralità.

Ogni situazione, scelta o percorso, nasce sotto un impulso di energia che la fa procedere, finché il potenziale di slancio non si esaurisce da sé. Ne va che ogni stimolo contrario si traduce in imput alla violenza che danneggia il diretto interessato e, a più livelli, ogni fattore che adempie all'atto di creazione.

Ciò vale anche nei sentimenti. Bruciare un rapporto di amore per paura di soffrire, di essere quindi incapaci di assistere al suo estinguersi, accumula molta più sofferenza della mera e spontanea estinzione dello stesso. Sofferenza che molto probabilmente non si sarà in grado di smaltire, perché andrà a determinare intoppi e deviazioni pericolose nello scorrimento fluido dell'energia vitale. Ogni cosa obbedisce a processi naturali nel mandalico linguaggio dell'esistenza.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
art-bot

Seguici anche su Facebook

Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home 2