Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
21
Mer, Nov
0 New Articles

Abbiamo 106 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
Home 1
Annunci AdSense
art-top

L'estetica della Luce

L'estetica della Luce

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Il senso della bellezza da sempre accompagna l'evoluzione dell'uomo divenendo il tratto distintivo di un processo che ha richiesto un fine approfondimento dello spirito.

images/1-news/2017/30-la-finestra-sullo-spirito/01/Frank-Cadogen-Cowper-S-Francesco-ascolta-una-melodia-celeste.jpg
Frank Cadogen Cowper, S. Francesco ascolta una melodia celeste, XX sec., collezione privata

Con il riconoscimento della bellezza, l'uomo si è innalzato a Dio divenendo con Lui creatore da semplice spettatore. La Bellezza richiede tempo suddiviso in passione e studio, allenamento costante nell'individuazione di quella chiave di accesso nei meandri del Cosmo. Non può esserci bellezza laddove non si contempli il concetto di Mistero che permette d'accedere a Dio. L'associazione Bellezza-Luce scaturisce dall'energia ammaliatrice che deriva da ciò che è bello e non ha quindi bisogno di spiegazioni. E, ciò è lampante. La sostanzialità della Bellezza deve però tener conto di un altro fattore determinante nel mondo empirico. Tale fattore è l'ombra che, pur non avendo una sua radicata verità rende fruibile il Reale nelle sue molteplici sfumature. Potremmo dire che l'ombra dona spessore a ciò che grazie alla luce è intelleggibile e nello stesso tempo aggiunge e non sottrae nella composizione plurisfaccettata del Creato.

La bellezza suprema appartiene a Dio e discende dal concetto di perfezione recepito come luce e pertanto buono, positivo. Il brutto è quanto più lontano dalla luce esista e in ciò si ravvisa la dinamica del pensiero atto a catalogare il bello e il brutto anche in termini etici e spirituali. L'estetica e l'etica a ben guardare sono strettamente connesse e se la bellezza trascende dal concetto puro di luce, la bruttezza ha il suo equivalente opposto nel regno sotterraneo associato agli inferi. L'ombra è il regno del tangibile associato quindi alla condizione umana a cui è affidata la capacità immaginativa di ergersi a deità tramite la contemplazione della luce o, specularmente di sprofondare negli abissi, beneficiando della condizione di ombra sintetizzabile nel libero arbitrio.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
art-bot

Seguici anche su Facebook

Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home 2