I sacri tramandamenti dell’oralita'
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

I sacri tramandamenti dell’oralita'

Cultura Calabra
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
La religiosità popolare a Belmonte Calabro - Locandina presentazione libro
La religiosità popolare a Belmonte Calabro - Locandina presentazione libro

 

Siamo figli dell’oralità di chi ci ha preceduti. L’oralità è preghiera, è ringraziamento e devozione. È trasmissione della passione di un popolo che attraverso la donna e la sua forza spirituale si esprime.

In quest'epoca fortemente condizionata dall’impoverimento delle relazioni umane, l’oralità diviene oggetto di studio e di analisi e prima ancora mezzo di recupero con cui preservarci da una sempre più invasiva cultura cibernetica. L’oralità, dalla cui radice deriva l'equivalente latino "pregare", è più di una forma di trasmissione culturale. È un vero e proprio rientro in se stessi e il canale energetico attraverso cui il cielo viene convogliato nella vibrante dimensione della terra. Veicolo di questa operazione di incontro che non è assolutamente azzardato definire alchemica, è proprio la donna impersonata dalle antiche figure delle comunità agricole territoriali che ahimé vanno scomparendo, e che costituiscono la radice di un patrimonio di inestimabile valore che va a tutti i costi salvaguardato.

In questa pubblicazione, una vera e propria summa di sentimenti e canti devozionali, si esprime l’alto impegno delle socie dell’associazione belmontese Mateseo convinte che la voce della loro terra debba proseguire e raggiungere l'anima dei più sensibili, andando ben oltre le singole e transitorie esistenze. A tal scopo la pubblicazione è corredata di un CD che contiene i canti raccolti dalle socie durante il lavoro di ricerca e intonati dalle anziane depositarie del patrimonio identitario del luogo, tre delle quali decedute.

Il carattere carismatico dell’oralità risiede proprio nella straordinaria energia che la muove, libera e vera, al di sopra di ogni segno o alfabeto scritto.

L’oralità ha inciso la storia dell’uomo nell’azione del tempo tesa a scompaginare le singole esistenze e a travolgerle con un'indefinibile spinta verso l'Assoluto che nei testi orali qui riportati si coglie. Passione e Fede s'intrecciano nella semplicità dei singoli cammini che hanno permesso nell'avvicendarsi dei secoli di condurre ed essere condotti da questa ancestrale sapienza. La donna è cardine e veicolo di una fede innanzitutto riposta nella vita, che ha nel tempo intercettato la presenza del divino. La fede in se stessa diviene richiamo e conservazione di una religiosità molto vicina e per questo autentica e umana. I Santi sono fratelli maggiori, le Sante amiche da ricordare e venerare, esempi capaci di frenare la Natura nei suoi impeti.

Che senso può avere la cultura se non quello di trasmettere e coltivare ciò che siamo dentro? E questo è possibile solo prendendo in considerazione la terra come insieme di relazioni tra il singolo e il molteplice, tra il finito e l'infinito e ciò la rende fertile culla. La radice non è cosa a sé stante ma ricettacolo di convergenza, di espansione, e detonatore del luogo e del vento che l'accarezza. Cosa potrebbe esservi di più sacro di questo? Sembrano chiederci nenie e preghiere nella raccolta presenti. Sacro non è forse il legame che tiene in piedi le singole parti? Averne consapevolezza apre le strade a una percezione diversa del proprio territorio, e alla comprensione che il Sacro si esprime nella semplicità di cui sono manifestazione i Santi, le Sante e la Madonna nella loro verginità.

A rimarcare il legame oralità e territorio fornendo così una visione approfondita dei luoghi, tutto un repertorio fotografico che insieme al CD completa e dona immediatezza ai testi riportati che di per sé con l'ausilio di rime e richiami e assonanze sono di supporto immaginifico alla struttura dei luoghi. Una raccolta unica nel suo genere, che rende testimonianza a un patrimonio immane che sarebbe triste e una sconfitta per tutti, se andasse perduto.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001