Il cerchio dell'abbraccio immortale
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
11
Mer, Dic
Annunci AdSense
home-1-ads-fsp-tda-002
Annunci AWIN
article-top-ads-Nordic Oil
Annunci AdSense
article-top-ads-fsp-art-001

Il cerchio dell'abbraccio immortale

Il cerchio dell'abbraccio immortale

Invito alla lettura e all'ascolto
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

L'abbraccio è protezione e oscurità. Contrazione e accentramento. Espressione della circolarità che nutre ogni cosa.

LOVE, Burning Man Festival 2015, Alexander Milov
LOVE, Burning Man Festival 2015, Alexander Milov

 

Al principio eravamo nell'abbraccio di Dio, poi la sintesi è divenuta racconto e la vita, assimilazione e scorrimento. La sfera, punto di riferimento, contenimento ed accelerazione nel momento in cui si rapporta alle coordinate spazio tempo che esemplificano la monade femminile. Il cerchio ripropone l'istante prima della libertà che l'uomo nella sua esperienza terrena ha tradotto in liberazione. Si può uscire da ogni luogo ma non da se stessi e ciò penalizza il rapporto felice dell'uomo con il suo Se'. L'abbraccio all'origine era il buio della caverna, ma siamo nati per cercare la luce che definisce il passaggio al divenire.

L'autunno è la stagione dei gusci, delle tane al buio che conservano radici. L'inverno, del sole interno che spinge verso nuove rinascite. La luce allora e’ sfida per le vie del deserto del mondo e cio’ lo traduciamo in Destino. La follia è di colui che ha la vista interiore aperta, altro è il cieco che conosce pur non vedendo e su questa differenza si delinea la distinzione tra tragedia e mito.

Le gabbie della mente sottolineano la frattura col mondo e l'insistenza a permanere nella chiusura. Il contorno invece esplode nei suoi racconti quando all'esperienza pregressa di abbraccio contenitivo e protettivo subentra quella di costrizione a cui solo la tradizione del tramandamento può creare vie di fuga, subentrando al tema del Destino. In questo la socialità svolge un ruolo capitale. Essa è capace di trasferire l'ombra nella luce e le tenebre nei luoghi del sole, adducendo variazioni al tema della Morte. Per questo una società che non produce epica, porta l'uomo alla sua sconfitta. L'esaltazione dell'umanità è possibile solo se trasferita sul piano del racconto verbale o comunque immaginifico o comunque vibrazionale, perché attraverso il confronto con altre vie si stendono nuovi orizzonti che ci fanno essere oltre e ritrovare noi stessi, nell'abbraccio primordiale che ci vedeva un tutt'uno col nostro principio.

Guida alla lettura del 'Libro Rosso'
Guida alla lettura del 'Libro Rosso'

Partendo da qui, il libro da me consigliato è “Guida alla lettura del 'Libro Rosso' di C.G.Jung" di Bernardo Nante. In questo saggio l'autore cerca di spiegare in modo esauriente il pensiero di Jung sull'immaginario che plasma la cultura dell'individuo in relazione al passato di altre vite e diviene trampolino di lancio per il futuro. L'individuale e il collettivo si mescolano e proprio dall'interazione dei due si svolge e si libra il potenziale creativo insito in ciascun individuo.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci Tradedoubler
sidebar-ads-ct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

VIDEO: Sed frustra, il segreto di Giordano Bruno

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001