Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
21
Dom, Lug
Annunci AdSense
home-1-ads-fsp-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-fsp-art-001

La speculare impronta del volo

La speculare impronta del volo

Invito alla lettura e all'ascolto
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Il volo è il varco, la via. Lo sconfinamento.

Artista Andrew Remnev
Artista Andrew Remnev

Viviamo il mondo e la creazione come specchio del nostro sentire, della poliedrica sfera di sentimenti che, in quanto esseri umani, nel bene e nel male ci contraddistinguono. Utilizziamo gli altri mondi come chiavi di accesso al nostro regno che, nonostante tutto, persevera nella sua angosciante incomprensibilità. La Natura da sempre affascina. Con la sua selvatica e irrequieta indole tiene aggrappati al proprio ventre infiniti esseri, ciascuno con distinte particolarità che l'uomo ha cercato di indagare o su cui costruire arcobaleni che conducano per gli sterminati luoghi dell'immaginazione. Gli animali e gli uccelli più in particolare, sono l'universo parallelo che scorre dentro di noi e che noi viaggiando sui nostri binari fiancheggiamo e assimiliamo attraverso la lente caleidoscopica dell'inconscio che innalza, subissa e divinizza.

il Gabbiano
il Gabbiano

Gli uccelli, in quanto rappresentazioni del volo metafora indiscussa di libertà, contengono aspirazioni, proiezioni di libertà e al tempo stesso evocano il timore di una incompresa individualità che sbriciola le pareti del conosciuto e varca gli orizzonti del finito. il Gabbiano dello scrittore ungherese Sandor Marai si svincola da tutte le costruzioni immaginarie riscontrate in campo letterario, per porci di fronte all'evanescente dimensione del tempo. Siamo anime fluttuanti in vari corpi che demarcano o risponono a domande insolute. Incontri che si ripresentano con lo scopo di chiudere vecchie porte, in realtà spalancano finestre su altri orizzonti, facendoci comprendere che la vita scorre al di fuori del tempo e che, al di là di ogni traguardo raggiunto, si stendono campi che solo con la luce dell'anima riusciamo ad accarezzare.













Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Redazione