Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
14
Mer, Nov
0 New Articles

Abbiamo 126 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
Home 1
Annunci AdSense
art-top

Vincent, il tumulto della liberta'

Vincent, il tumulto della liberta'

Invito alla lettura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Ci vuole tenacia per andare fino in fondo e una volonta' che sia compagna leggera delle nuvole.

Vincent Van Gogh. Vier uitgebloeide zonnebloemen, August - October 1887
Vincent Van Gogh. Vier uitgebloeide zonnebloemen, August - October 1887

Delicatezza e mai sfrontatezza per perseguire un sogno. La donna e' maestra di tutto questo e attraversa senza pensieri la foresta della vita senza sgualcirne i fiori e sfruttando per un disegno preciso cio' che ha il pregio di mostrarsi un'opportunita'. La donna si riconosce in queste rappresentaioni fluide e soprattutto un tempo era presente nell'immaginario a fronte alta e con fogli calcati a penna nel petto. Leggiadria, vigore e pazienza sono il fuoco elementare delle sue movenze, grazia e disperazione macchiano di dolore ma non scompaginano il desiderio scritto. Le donne dell''800 tacevano nella vita, ma da eroine stimolavano e pilotavano le emozioni degli artisti. Erano il sogno mai rivelato di scrittori, poeti e il nudo sognato di pittori avidi di vita e assetati di amore.

L''800 sul suo finire guarda con disprezzo alla strada compiuta e percorre in obliquo sentieri che accennano a diventare vie. S'intravvede sul crinale delle tenebre un sole chiuso che non rischiarera' l'alba del nuovo secolo. I relitti della mediocrita' borghese galleggiano su una corrente dorata che segue solo il verso dei ricchi e non abbraccia il popolo piu' bisognoso di tutti di novita' e dignita'. La provincia francese morbidamente si flette in un tempo mite lontano dai frenetici entusiasmi del mondo, adagiata nella sua spettacolare solitudine, meta di artisti e pittori in cerca di calore tra le dita imbrattate di colori. Non si potrebbe immaginare che li' dove c'e' un ristagno di vita ci siano fermenti che l'occhio attento e vigile ma lontano dal vagabondare cittadinoe' in grado di carpire. Van gogh, Pissarro, Gauguin, sono solo i piu' celebri sognatori di tele che hanno viaggiato e assaporato e vissuto intensamente quei campi raccontati da fiori e da un sole che in estate splende. Loro cosi' lontani dai miraggi di giovani uomini e donne attratte dalla vita che li' non c'era.

Il valzer degli alberi e del cielo
Il valzer degli alberi e del cielo

Marguerite Gauchet e' tra coloro che sognano l'America e finiscono col dirottare li' nel mondo di casa sogni e progetti. L'amore che irrompe ciecamente nella vita della protagonista del libro Il valzer degli alberi e del cielo di Jean-Michel Guenassia ha il sapore della rivelazione e il presagio di un tragico epilogo che stimola dubbi e apre scenari insoliti sulla morte del grande Van Gogh, immettendo ai grandi temi primo Novecento incentrati sul binomio amore- morte. E mentre l'amore si svolge come un foulard serico che abbraccia e protegge dal freddo degli eventi pubblici pregni di storia riportati dal giornale dell'epoca "La lanterne" introducendoci a una nuova visione del mondo sempre piu' astratta e lontana, l'intimita' calca le pagine della narrazione intervallata da brani di Vincent scritti al fratello Theo e a Gauguin, lasciando l'impronta di un'amicizia con quest'ultimo nebulosa e mai naufragata. Il Van Gogh che emerge non e' di certo quello folle per lungo tempo riportato nei testi di studio, ma un uomo che amava descriversi nel genio della Natura ritratta con una fedelta' di pennello dal suo intimo. Un uomo animato da un forte senso di rispetto verso la vita e il proprio destino che come Marguerite, ma per vie opposte, e' deciso a portare fino in fondo. Un artista di tale spessore e vitalita' non si sarebbe mai suicidato. La risposta lucida alla sua morte a soli 37 anni ce la fornisce Guenassia portandoci a riflettere su come la vita di un uomo possa contrarsi in soli 3 mesi e altresi' deragliare dai binari del proprio destino, come avviene nelle anime forti che non si perdono tra i flutti dei cambiamenti.







Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
art-bot

Seguici anche su Facebook

Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home 2