Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
22
Ven, Mar
Annunci AdSense
home-1-ads-fsp-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-fsp-art-001

Così sono i poeti

René Magritte, La promessa (1950)

Invito alla lettura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

I poeti, sale sulle mani, sono perlustratori del mondo a cui versano lacrime di gratitudine. Sono gabbiani sul bianco che nessuno salverà allo scoccare della primavera

René Magritte, La promessa (1950)
René Magritte, La promessa (1950)

 

Bianco su bianco è il destino dei poeti che visitano di luce i meandri del bosco, inneggiando all’amore incontrato in volo e mai conosciuto. Di una nostalgia impalpabile è unto il cuore dei sensibili che come arma hanno la potenza della voce e l’eleganza dell’arte.Così sono i poeti, di un affetto insaziabile, cinici e irrequieti lontani dalla pietà del Paradiso. Cantori di romanze e inneggiatori della Natura. Negli animi di tutti loro serpeggia una vena di candore scivolato sul duro marmo della vita. I disillusi come i capitani di mari ampi contemplano la bellezza nel deserto, risuscitando Montale o Ungaretti che indugiano sulla vacuità dell'esistenza.

Sono paesaggi viventi i poeti, sempre in rivoluzione col mondo che accompagnano portandosi le croci. Non c'è ateismo né chiusura a un Dio avvolto in sontuosi artifici tra le note dei sensibili. Loro credono in un sentire che scava il tronco e raccoglie la ninfa di una semplicità e fragilità invisibile. Innocenza nei pensieri o aspro dilaniamento in un misto di sinistra sfuggenza si coltiva leggendo i poeti maledetti a cavallo tra i due secoli, due mondi in spigolosa continuita’. Il poeta e’ un ramo irrigidito dalle intemperie e restio ad arenarsi su una frequentata spiaggia.

Sì è pazzi di quell'amore che sempre siamo condannati solo a sfiorare nel perdurare di altre cose? Sembra sussurrarci Alda Merini dalle dolenti lenzuola di una febbricitante pazzia. Il poeta comunque sia e’ un infante incapace di badare a se stesso, ma che si carica sulle spalle i malanni del mondo, smussandone i contrasti nel suo vellutato pensiero. Ecco i poeti, anime sensibili! E non vanno reclusi né calpestati, ma protetti dalle insidie della dimenticanza.

Se i sensibili non si amano, che sia il mondo ad amarli come un salvagente fruttuoso alla deriva del mare.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

VIDEO: Sed frustra, il segreto di Giordano Bruno

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001