Coronavirus, veniamo al dunque
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Coronavirus, veniamo al dunque

Coronavirus, veniamo al dunque

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Sembra che l'ondata del  “Restate a casa" si vada affievolendo. Del resto, gli slogan seguono e direzionano l'andamento di un fenomeno.

Coronavirus, veniamo al dunque
Coronavirus, veniamo al dunque

 

Il dato sconcertante che emerge da tutto questo oltre al delirio di massa legato al mantra ossessivo dello sdoganamento  dello slogan mandato continuamente sulle reti pubbiche, diramato sui social e su tutti i canali mediatici, è l'effetto di sradicamento diffuso dal quadro complessivo di quanto sta accadendo nella realtà. L'epidemia sta nascondendo volutamente tanti retroscena e mostrando i volti avidi e sleali dei nostri alleati europei.

È preoccupante che a tenere banco in questa situazione sia la paura di informarsi andando ben oltre i recinti e i parametri imposti dalle dirigenze. Lo slogan a mio avviso spaventoso del Restate a casa paradossalmente tranquillizza e addomestica i più fragili e i meno riflessivi a quelle che sono le esigenze di regime. Ma non siamo in dittatura! qualcuno dice. C'impongono di stare a casa per proteggerci! Strano però, che una tranquilla  passeggiata in piena solitudine tra le colline costituisca un problema al punto da spingere le autorità  a chiedere l'autocertificazione.  Allora, c’e forse solitudine e solitudine, oppure ci stanno ingabbiando per bene a loro uso e consumo? Da quando la Natura non è  più  garanzia di benessere?

La Natura è la radice  del pensiero. Favorisce la concentrazione e ci armonizza col Tutto. La Natura è esperienza totalizzante nei momenti di soffocamento e di dura privazione. I nostri amici viaggiatori del Cosmo che sono a loro volta rappresentazione nostra nel Cosmo, ci invitano a ritrovare la Natura come unico ponte di salvezza. Il sole allo sbocciare della primavera è un toccasana per tutti. Rinforza le difese immunitarie e protegge le ossa. Lo sappiamo tutti eppure sembriamo dimenticarlo forse perché a questo penseremo dopo, a questo c'è la cura.

I medici ci consiglieranno i giusti integratori e si passera’ oltre. È questa l'opinione diffusa in un momento in cui non è che non si abbia il tempo per pensarla diversamente, ma non ci si vuole discostare dal coro perché si rischia e di brutto. Intanto, pensiamo in bene, perché  tutto passerà. Passerà? E cosa? L'epidemia. E poi? Vorrei sapere, dal momento che l'Italia ora è ferma, da dove usciranno i soldi per curarci domani. O forse si creerà  la selezione indotta. Se sei ricco vivi, se sei povero crepi??

Quale lotta alle Mafie ora è più credibile in questa situazione? Un domani, quando i piccoli imprenditori cercheranno di rialzarsi tra mille difficoltà, quanti di loro accetteranno l'aiuto delle grandi organizzazioni criminali speculatrici??

Vorrei che si riflettesse su questo  come su molto altro ancora, perché i malati di depressione a breve saranno più di quelli contagiati. Chi ne risponderà?

Il passo da Restate a casa a Arrestati a casa è stato fatto. E ritorno alle parole del giornalista Porro sulla liberta: è vulnerabile. Basta un niente a cancellarla. Vorrei che si riflettesse su questo come su molto altro ancora. Per ora mi fermo qui.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001