La pace e il sangue
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

La pace e il sangue

La pace e il sangue

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Solo chi combatte a rischio della propria vita è  veramente  libero. La libertà  non è  sedersi e accomodarsi. La libertà  non è  viltà.

La pace e il sangue
La pace e il sangue

 

La pace si conquista col sangue, altrimenti è squallido compromesso. Lo vediamo.

Abbiamo tirato su una gioventù in guerra con se stessa incapace di fare rinunce. Solo chi sa è in grado di scegliere e oggi la conoscenza manca perché non vi è libertà da tanto e nello specifico, dallo sbarco degli Americani. È sciocco far credere che gli esportatori di Democrazia ci abbiano risollevati dalla dittatura sconfiggendo il mostro del Nazifascismo. Il loro intento era quello di raccogliere quanti più consensi per aprirsi un varco nel Mediterraneo contro le altre due realtà contrapposte: russa e giapponese. Siamo stati sciocchi da non capirlo forse perché infarciti della propaganda filocomunista di Tito portata avanti dei partigiani.

A quel tempo l'istruzione era cosa di pochi, la radio utile alla diffusione dei bollettini di guerra e la gente non aveva la facoltà di comprendere e discernere gli avvenimenti. Siamo stati imbrogliati sulla nostra ignoranza per mancanza all'epoca di mezzi. Eravamo una monarchia poi passata a repubblica con la parvenza di una democrazia rivelatasi illusoria. La nostra sudditanza alla finta politica di libertà ha portato a dissidi interni da cui non ne siamo mai usciti, mentre i servizi segreti agivano per conto proprio, caldeggiando talora la mafia, talora gruppi politici che comandavano dall'estero. E ora, dopo il Sessantotto e la crisi intimistica anni Ottanta che hanno annebbiato la mente a molti, eccoci in questa paralisi ghiotta di conquiste a buon mercato, che non ci vuole uomini e donne ma solo bambini irresponsabili, capricciosi per un nonnulla senza fede, valori, e senza amore.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001