La consegna del vaccino tra consensi e polemiche in un'Italia fantasma
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

La consegna del vaccino tra consensi e polemiche in un'Italia fantasma

La consegna del vaccino tra consensi e polemiche in un'Italia fantasma

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Sempre più sudditi della Cina. Possibile che non lo si capisca?? Stiamo sostituendo l'America con la Cina, l'Europa con la Cina e l'Italia con la Cina.

Marittimi abbandonati dopo tre mesi ritornano a casa
Marittimi abbandonati dopo tre mesi ritornano a casa

 

L'Italia, a proposito dell'interveto della Cina nell'operazione di rimpatrio dei marittimi, ha dimostrato ancora una volta di essere un Paese che ha bisogno di una stampella. Dobbiamo crescere, nonostante i prestigiosi secoli alle spalle, e imparare a diventare autonomi nonché capaci di badare a noi stessi. È una vergogna e un duro affronto alla nostra dignità, dopo secoli di floridità culturale e di splendore artistico ritrovarsi nella condizione di non essere in grado di portare a compimento operazioni che andrebbero di prassi condotte senza l'intervento diplomatico di stati non solo stranieri, ma finanche al di fuori della coalizione europea. Tutto questo mentre siamo totalmente impressionati dal virus di Pulcinella e polarizzati da un vaccino che è tutto un programma per i misteri che gli gravitano attorno e per come sarebbe stato trasportato e consegnato. Farebbe un baffo a un qualsiasi capo di stato per l'apparecchiamento scenografico con cui è stato trasferito e collocato nelle sedi opportune. Con scorta militare al seguito, abbiamo tutti assistito a semplici cartoni che venivano prelevati da un furgone che ricordava quello utilizzato per la consegna dei polli nelle macellerie. Senza guanti né precauzione alcuna gli addetti. Solo un'eccessiva risonanza mediatica che ha indispettito i più accorti, mentre polemiche continuano a destare i medici che non si sono sottoposti all'inoculazione. C'è chi parla di radiazione, mentre decisa è la posizione di Arcuri a riguardo del progetto Primula.

E se il vaccino non fosse ancora stato consegnato e somministrato? Molti si chiedono, memori dell'apparecchiamento scenografico squallido e penoso a cui abbiamo assistito nel mese di marzo, con carri militari che scortavano il corteo di bare. Una farsa vera e propria per quanto lugubre alle spalle della dignità di un'Italia che vogliono cancellare anche dai libri di Storia.

Perché tanto clamore sul vaccino? L'Italia ha già dimostrato di essere prona alle macchinose scenografie che sorreggono il nulla. Con tutto lo scetticismo che il Covid sta destando, in tanti siamo a sospettare che il vaccino entrerà di soppiatto nella nostra società e alla maniera della dittatura cinese saranno occultati i casi di rigetto e di gravi allergie causati. Quanto abbiamo visto finora, non è altro che una finzione preparatoria, finalizzata a consumare polemiche sul nulla, mentre il vero motivo dello scontro sociale tra contrari e favorevoli è ancora in qualche laboratorio sconosciuto, magari oltre le frontiere del nostro ignaro Paese.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001