Il caso Ciro Grillo e la reazione del padre
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Il caso Ciro Grillo e la reazione del padre

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Il caso Ciro Grillo e la reazione del padre
Il caso Ciro Grillo e la reazione del padre

 

A distanza di due anni dall'accaduto, il presunto stupro compiuto da una gang di amici tra cui Ciro il figlio di Beppe Grillo, tiene banco nelle vicende di cronaca nazionale, risollevando quelle questioni di ordine etico mai evidentemente risolte e che dilagano in più ambienti, avvicinando seppur superficialmente fazioni politiche diametralmente opposte. Quando si trattò del Cavaliere e dei suoi festini in cui tutte le ragazze erano consenzienti e va detto e sottolineato, gli avversari politici non fecero sconti.

Non c'entra la questione morale, si tratta solo di tattica polutica per prendere il sopravvento su chi aveva regnato al fine di consolidare le proprie aziende e tutelare i relativi dipendenti. Berlusconi rappresentava il vecchio e macilento sistema capitalistico che per quanto partecipe del sistema mondialista, era scomodo all'avanzata del Globalismo di stampo orientale e maoista. Andava pertanto crocifisso. Questo è quanto. Con i 5Stelle l'Italia è stata travolta dalla pandemia e non è stato fatto nulla per arginarla. Gli sbarchi proseguono e le prostitute e il malaffare agiscono spensieratamente sulle strade. C'è in atto uno sconcertante stravolgimento etico. Le forze dell'ordine non ci tutelano, assicurano il regime delle restrizioni e tutelano il coprifuoco. L'accanimento contro le Mafie tradizionali in specie nella terra di Calabria, serve in un contesto di cui Morra il pentastellato è presidente dell'antimafia, a tutelare il regime Mondialista, la mafia numero uno a cui partecipano i virologi del lockdown e i loro severi esecutori governativi. A riguardo non c'è alcuna concertazione su rigide posizioni etiche. Si agisce in nome di un disegno perverso teso a sconvolgere regole e valori, allo scopo di conferire sostegno e benefici a chi oggigiorno governa il Mondo.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001