Il Green Pass e la deriva della pedagogia
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Il Green Pass e la deriva della pedagogia

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Il Green  Pass e la deriva della pedagogia
Il Green Pass e la deriva della pedagogia

 

Ci sono Calabresi che giustificano il Green Pass per i cinque morti del 5 agosto in Calabria. Vorrei sapere se cinque morti magari di ultraottantenni affetti da gravi patologie possano giustificare in qualche modo quanto sta avvenendo.

La verità  è  che il Comunismo getta le sue reti in mare e i pesci abboccano. Dopo spregiudicate campagne durate vent'anni e passa contro l'inviso quanto invidiato Berlusconi che nel bene e nel male ha reso applicabile il pluralusmo nella Repubblica italiana, attraccata al servilismo statunitense e di consorterie partigiane tese a succhiare soldi ai tesserati a cui accordare servigi, tutto è  possibile. La gente è  drogata di Stato, di quello Stato che lei per prima rifiuta. Non si può  parlare di Stato nella forma di Repubblica Democratica  se non si ha la maturità congiunta alla seria informazione. E di informazione matura, ossia di conoscenza, andremo di questo passo di male in peggio. L'obbligo del Green Pass nelle scuole nasconde il severo intento di adeguare gli insegnanti alla volontà  del nuovo regime terapeutico cinese. L'imposizione porterà  alla lacerazione del modello pedagogico democratico. Gli irriducibili no vax, gli insegnanti realmente votati a svolgere la professione verranno rimossi e rimpiazzati dai servi del potere che manterranno attraverso il plagio conferito agli studenti, la stabilità  del sistema imposto. Dovremmo scendere e seriamente in piazza con azioni di sommossa ben orchestrate, perché  nessun traguardo di seria pace si ottiene se non attraverso dinamiche anche feroci.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001