Il Green Pass e l'identikit del pro vax
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Il Green Pass e l'identikit del pro vax

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Il Green Pass e l'identikit del pro vax
Il Green Pass e l'identikit del pro vax

 

Attenzione a chi posta notizie o informazioni del tipo: "Il Covid è una malattia bruttissima... ho perso una cara amica... un parente..." si tratta per lo più di profili falsi aperti da chi ha interesse a mantenere viva l'emergenza.

Siate accorti! Giornalisti venduti... medici carrieristi, politici in cerca di poltrone... sono tante le figure interessate a speculare sulla nostra libertà che va sempre più riducendosi in controtendenza all'ingordigia di chi vuole vivere e vivere anche a spese della qualità della vita.

Chi è l'ingordo di oggi pro vax e a favore del Green Pass? Spesso e volentieri il fallito o il frustrato, l'arrabbiato verso la vita, che tende a privare gli altri di quelle soddisfazioni da lui mai raggiunte. Il nemico verso tutti che non sa essere amico di se stesso. Chi si vaccina s'incattivisce. Sono tanti a fare questa considerazione che è una vera e propria costatazione. Essere pecore nere non è per tutti.

Occorre quella tenacia che nella società attuale a molti manca.

Chi è il pro vax? L'insoddisfatto e l'ingordo. Chi è abituato a stendersi a zerbino per ottenere qualcosa, il vile che non può ringraziare se stesso in quanto per meriti personali non ha creato nulla.

La società di oggi ci vizia ad ottenere, più che a costruire. A ricorrere a subdoli stratagemmi per soddisfare quell'arrivismo speculare al vuoto odierno.

L'uomo di oggi non è in grado di allevare se stesso e la scuola in primus latita su questo punto. Si preferisce chiudere gli occhi dinanzi alla realtà perché non si ha la forza di contraddire se stessi e intanto si tira dritto mentendo tutta una vita alla propria persona.

Sulle basi di quanto detto dubito che chi lavora all'istruzione possa realmente organizzare sommosse costruttive. La lettura di questa realtà mi porta a pensare che la pantomima legata all'epidemia e al Green Pass durerà anni perché ben foraggiata anche dagli avvenimenti geopolitici da essa affatto disgiuti. L'ondata di Afghani in arrivo servirà a renderci ancora più succubi e proni in quanto accompagnata da una lettura distorta degli avvenimenti tesi a inibire ogni scatto verso la legittima libertà.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001