La Calabria e l'emergenza dei branchi
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

La Calabria e l'emergenza dei branchi

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
La Calabria  e l'emergenza  dei branchi
La Calabria e l'emergenza dei branchi

 

I branchi di cani di custodia a greggi e mandrie costituiscono in Calabria una questione seria che andrebbe ampiamente discussa. Di fatto impedisce di passeggiare e gustare in tutta tranquillità  gli splendidi paesaggi di cui questa regione dispone e gode.

In Sila ad esempio, le zone dei laghi sono praticabili  solo nei centri abitati, perché  al di fuori dei territori da pascolo sorvegliati da maremmani e altri cani posti di guardia alle greggi. Se in altre regioni sarebbe proibito godere di una natura generosa  per motivi legati alla piccola criminalità di furti e rapine, qui in Calabria l'impedimento principale arriva dai cani che in branco costituiscono un serio problema aiutati dallo stato  dei luoghi incontaminati dalla presenza umana, rimasti quindi immacolati nella loro bellezza. La Calabria è  poco urbanizzata grazie anche alla geografia dei territori  fortemente accidentata. L'abbandono dei cani non è  la causa principale a monte della costituzione del branco. Manca la sorveglianza da parte dei padroni pastori che non pensano ad addomesticare a dovere i loro cani utilizzati al solo scopo di governare greggi e mandrie spesso sconfinanti dai loro poderi, come accade ad esempio in Sila. Qui gli animali da pascolo si spostano liberamente  divenendo  proprio per la presenza dei cani un reale problema per chi coltiva lo sport della pesca sui laghi e per i cercatori di funghi. Meno per i cacciatori in quanto provvisti di fucile. Andrebbe a mio avviso meglio controllata e regolamentata l'attività di chi si dedica alla pastorizia, obbligando i padroni dei cani a sorvegliare le greggi affinché  non si allontanino, nonostante i  cani, dal loro territorio di pertinenza.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001