Vaccino antiCovid. L'ultimo grido della tivu' spazzatura
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Vaccino antiCovid. L'ultimo grido della tivu' spazzatura

l'Opinione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Vaccino antiCovid. L'ultimo grido della tivu' spazzatura
Vaccino antiCovid. L'ultimo grido della tivù spazzatura

 

L'emotività chiude gli occhi all'intelligenza e negli ultimi due decenni sta trovando sempre più spazio nelle trasmissioni al comando del pensiero dominante, globalista. Lo abbiamo incominciato a vedere con i video truffa legati alle immigrazioni, costruiti a puntino sul modello hollywoodiano, al fine di commuovere e di convincere all'accoglienza e all'inclusione anche i più scettici.

La forte opera di persuasione impugnata da chi appoggia le élite globaliste ha alzato i toni con questa pandemia, inventando o ancora peggio taroccando episodi e situazioni di per sé tragici, allo scopo di impressionare ulteriormente e plagiare l'opinione pubblica. Ormai di pubblico in Italia c'è rimasto veramente poco, così come di privato, mentre ad espandersi a macchia d'olio è il privatizzato. C'è differenza eccome, tra il privato e il privatizzato che si nutre delle carcasse di quanto ormai rimasto attinente all'ambito del privato. Le tivù del main strem che fungono da altoparlante del pensiero unico hanno difatti smantellato tutto quanto attenga agli aspetti della psiche dell'individuo per ingrassare i potenti che agiscono al fine di depauperarci del nostro tesoro più grande, quello animico. Cibarsi e impadronirsi del privato individuale al fine di circuirci e manipolarci, in che modo? Anche agendo sulla sostituzione importante del patrimonio emozionale con quello emotivo. Agire a tutti i costi, camuffando e imbrogliando la realtà al fine di svuotarci delle componenti sincere, emozionali e di trapiantarle con quelle emotive.

Cosa produce l'emotività? È la sbarra al dialogo col mondo e alla sua comprensione. L'emotività congela sui propri passi chi la prova e chi la subisce, permettendo a chi è ancora in possesso di quelle qualità di discernimento critico di vedere l'imbroglio attraverso la pellicola tragicomica di quanto costruito a puntino.

Credo che ieri sera alla trasmissione di Del Debbio si sia raggiunto il punto massimo oltre a al quale ritengo improbabile si possa andare. Hanno invitato a prendere la parola una ragazza che fanciullescamente ha aizzato il pubblico dei no vax antiCovid a casa, schierandosi contro con frasi violente. La ragazza rimasta orfana di madre a causa del Covid è apparsa subito in evidente disagio emotivo e per nulla informata sui fatti, prestando il braccio a chi si è mostrato al suo racconto favorevole ma con l'inganno, ossia intenzionato a marciare sull'innocente dolore. Un racconto accompagnato da scene a dir poco vergognose e raccapriccianti a cui sono seguiti i silenzi di Belpietro e Freccero, rappresentanti di quella fetta di popolazione che conosce la verità ma ha preferito tacere per non urtare ulteriormente la fragilità emotiva della ragazza in trasmissione.

Se un certo giornalismo ben rappresentato da Del Debbio si spinge a tanto, evidentemente riceve dei segni di forte preoccupazioni dalla politica che lo governa. È un segno questo della fine dei tempi dell'inganno universale grazie anche a chi come Belpietro, Freccero, Fusaro... sfidano con le armi della sola Cultura i disegni abietti di chi vuole piegarci fino alla morte, nutrendosi delle nuove forme di vampirismo a disposizione. Del resto i conti a favore dell'elite dominante non tornano. Nonostante la campagna vaccinale lanciatissima in Italia e nei Paesi Germanici, ricoveri e contagi si susseguono e aumentano al punto da obbligare a nuove chiusure e restrizioni. Al punto da far sospettare che la vera pandemia non è quella del Covid, ma dei vaccini che ne protraggono la circolazione.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001