La Poesia è un'istantanea fatta con le parole
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Poesie e introduzioni di Ippolita Sicoli. "La poesia è un'istantanea fatta con le parole" Impronte di Poesia

Il dolore della bellezza
Il dolore della bellezza

 

Il dolore è nel fiore della bellezza che si schiude. La felicità traboccante commuove ed è parte del dolore più sottile e verginale. È la seta della profondità che non conosce confini tra sensazioni e sentimenti. La felicità trasfusa nelle emozioni è bellezza imperante, ma anche incontenibile dolore per l'indefinibile grazia che percorre le nostre fibre.

Kenneth Frazier - Woman with a Rose 1891-1892
Kenneth Frazier - Woman with a Rose 1891-1892

 

Nei racconti ascoltati, nelle parole descritte dalla nostra anima custodiamo un giardino nel recinto raccolto. Qui siamo anima e non forma, che saluta e bacia altre anime che giungono a visitarci. Le pareti di casa sono piante regalateci da amori passati e ancora sognati. I mobili sono persone dal tatto dolce che ci fa sentire eterne e sempre a una festa.

La Primavera by Galileo Chini
La Primavera by Galileo Chini

 

Siamo noi a fare i luoghi. I luoghi ci possiedono e riflettono la nostra luce. Locus e Lux si appartengono nella radice e sono ciò che emerge di noi stessi, chi siamo al di là di noi e del nostro fluire.

Volte e vite
Volte e vite

 

Ci avvitiamo su di noi per contrarci e per espanderci. È una danza che dall'Uno porta al Due e da qui al Tre e dà luogo alla vita. Una danza infinita nella volta del Cielo e nello Spazio in cui siamo, che si rinnova di continuo. È qui il valore della lettera V che suggerisce espansione dalla radice in basso.

Nel sogno di una nuvola
Nel sogno di una nuvola

 

Siamo qui, oscillazione perenne tra vita e morte, sogno e materia. Siamo spiriti prestati alla carne che ci assorbe, facendoci dimenticare la nostra vera casa. La sogniamo e sogniamo di volare come il cielo sui giorni, ma abbiamo paura di cadere e la vita ci riporta dove siamo.

Chiaro di luna di Alfons Mucha
Chiaro di luna di Alfons Mucha

 

L'abitudine nasconde molte insidie. La notte è degli avventurieri, sempre accorti su tutto e guidati dalla voce del proprio petto. È degli avventurieri amare la luna che reclama la concentrazione tutta su di sé. Desiderarla e cercarla. È il faro dei primi attori e dei regnanti.

Foto di Mario Alessandri
Foto di Mario Alessandri

 

Di sera tutto si purifica e il fuoco acquista tonalità turchesi sacre all'anima. In certe sere si rivà lontano con i pensieri e mentre l'aria si fa leggera, l'anima si rende presente e potente al punto da toccare cuori lontani.

Gustave Dore (1832-1883), Les Fées
Gustave Dore (1832-1883), Les Fées

 

È questo il periodo delle scintille tra i prati. A ricordarci che nel piccolo c'è la stupefacenza del mistero dell'Universo e che la volta stellata ha senso se scivola in noi. Nel suo farsi piccola, rimanendo immensa nella sua penetranza.

Di Barbara De Luca
Di Barbara De Luca

 

Resta il mare a consolarmi. Resta il mare e il tuo odore disciolto tra le lacrime che ho versato a fiotti.
Il mare non è qualcosa che resta, è la cosa che è e asciuga tutti i drammi. Chi muore nel mare è raggio di sole assorto a nuova vita. Nel mare si ritrovano tutte le lacrime del mondo. Ogni goccia è un'anima.

Sono vento
Foto di Delfina Cordiale

 

L'attesa è un gatto alla finestra. Guarda e vede ciò che noi non sappiamo. Ecco l'illusione degli occhi. Per questo è mistero e fascino. È una donna ben vestita che cammina ai bordi della vita frenetica che va rotolando sulla strada. È una porta chiusa su un giardino profumato.

Cielo stellato - Emil Nolde
Cielo stellato - Emil Nolde

 

Un soffio di luce sfiora le nubi appena sopra l'orizzonte. Sono labbra che si chinano a baciare il fiore della notte e poi subito si richiudono nel loro velluto privato. Gli occhi sfiorano e prendono il nettare delle immagini, che subito fugge dopo aver colpito lo sguardo. Ci colpisce ciò che poi scolpiamo in noi e ci definisce. Abbiamo bisogno di prendere per definirci e dare luce a noi stessi. Apprendere per formarci, e in questo si svolge il disegno sublime della gratitudine.

Claudia Salvadori – Cogli la prima mela
Claudia Salvadori – Cogli la prima mela

 

Non c'è testo sacro che non sia stato scritto rivolto alla donna e alla sua fonte di magnetica esaustività che presiede ogni forma materica. Non c'è poesia elevata che non si esprima come vellutato tributo alla donna e ai suoi segreti più vividi che alimentano l'enigma affascinante delle multiforme espressioni di vita.

Heaven by Christian Schloe
Heaven by Christian Schloe

 

La geografia che colpisce non è più quaggiù. Si svolge al di sopra, congiunta alla nostra nudità bianca, interiore. Il cielo è lo sposo dell'anima. Le nuvole, i veli nuziali che avvolgono e seducono nella bellezza che altrove non ritroviamo più. Osservo il cielo e ti ritrovo. Ritrovandoti, riabbraccio me e ciò che ancora aspetta di essere. Sei tu e sono io nella caducità del tempo che in alto ci sostiene immortalandoci nella luce come maldestri funamboli che arrancano nella realtà del mondo.

Henry Ryland an allegory of spring
Henry Ryland an allegory of spring

 

Siamo luoghi di ombre o di poesia che si accendono grazie ai sentimenti. Siamo geografie che illustrano il nostro cuore e che grazie all'amore prendono vita, fisionomia e colori.

Laura Brandoli - La nomade, 2012, olio su tela
Laura Brandoli - La nomade, 2012, olio su tela

 

Il dolore è muto e diviene aulico stridore tra i versi. La solitudine è del poeta e di chi possiede un'anima che sfugge alla superficialità del mondo. Ognuno ha la propria nicchia in cui si ritira col proprio dolore. Eppure è del poeta, esule tra le folle, rivolgersi al Cielo e mostrare ferite nascoste o troppo profonde. Crudamente care.

Flaming June, by Frederic Lord Leighton (1830-1896)
Flaming June, by Frederic Lord Leighton (1830-1896)

 

E tornato Nerone Panterone. Se ne sta accucciato come un giacchino di velluto precipitato dallo stenditoio, e dorme profondamente. Sarà in compagnia degli angioletti adesso, nonostante le sue notti brave. Mi dà gioia vederlo e lo lascio riposare.

Marc Chagall per la copertina di Leonide Massine, New York, anni Quaranta
Marc Chagall per la copertina di Leonide Massine, New York, anni Quaranta

 

Ogni volta che accade qualcosa,  è  Dio che viene tra noi.

La magia è tutto ciò che già esiste. Nell'accadere c'è la promessa e la destinazione di un progetto. L'evento che si compie è la concretizzazione di un'idea che è già la traccia di una compiutezza. L'accadere è la vita che si fa sorpresa e sta a noi accogliere. L'accadere è la venuta di Dio che si fa nuovo di volta in volta come nuovi ci facciamo noi continuamente, alberi che cambiano le foglie e riconfermano nel nuovo le radici. Ogni novità è di fatto una riconferma che spunta e nell'annuncio che la precede è riposta la sua eccezionalità.

Andrea Neri – Cercare è
Andrea Neri – Cercare è

 

Il sentiero è la via a riparo dei sensi che distraggono. Il sentiero è la via che scegliamo con gli occhi chiusi rivolti all'interno. È la via del nostro sentire che è il tutto, mentre la ragione è solo una nostra parte. Sentiero e Sentire si appartengono quanto apparteniamo noi al tunnel che c'immette nella vita.

The Star Talers by Paul Hey
The Star Talers by Paul Hey

 

Nasciamo grandi e ci pieghiamo poi alla vita. C'incurviamo per aprirci ed estenderci e ci flettiamo per riavvolgerci e contenere, prima di perdere tutto alla fine del viaggio. La curva è il ventre e la curva è improvvisa via di fuga. È la sorpresa del destino che vuole la partita vinta su tutto e ci sprona a sfidarlo.

La piaga sul cuore
La piaga sul cuore

 

La forza di un animale maschio è la vita della luce. Il senso d'impotenza davanti alla ferocia della vita è il sole che si ripiega in se stesso e si riavvolge nell'anima che assiste e piange. C'è incomprensione e tanta inermità dal duro sapore di una sconfitta in questo mondo. Il cielo si fa grande e la terra al di sotto geme, mentre una forza oscura ci chiede di continuare.

Gustav Klimt - Two girls with oleander, 1890-1892
Gustav Klimt - Two girls with oleander, 1890-1892

 

Ciò che arriva è la linea di confine tra il non ancora nato e il nulla. Gli odori... imbrattano il naso di altre vite che già vivono dentro di noi, altrimenti non le avvertiremmo. Avvertire è già riconoscere senza aver posto un nome. È qualcosa che spunta come un neonato arrivato or ora.

Fioritura della lavanda a Valensole, Provenza (iStock)
Fioritura della lavanda a Valensole, Provenza (iStock)

 

Lisciottone Mio sta sistemando per le feste il sopraggiunto Fog dal collarino verde. Si fa valere quale degno figlio del Gatto Grigio.

Da un pò di tempo non vedevo i gatti nel giardino. Poi ieri, il ritorno di Nerone Panterone mi ha fatto ben sperare. Se ne stava mogio e immobile sul suo muretto preferito, mentre il Gatto col Collarino a tratti compariva sul suo balcone. Chissà se si ricorda di me... se mi pensa... sono portata a chiedermi. La vita continua e va avanti e ciò che è stato si dissolve in una nuvola azzurra che sprigiona inaspettatamente e all'improvviso il suo profumo.

Maurice Chabas, Le nuage rose, étude de ciel, huile sur toile
Maurice Chabas, Le nuage rose, étude de ciel, huile sur toile

 

Sentiamo l'odore di chi abbiamo nell'anima e non ci abbandona mai. L'odore è presenza ed è il presente. Ciò che abbiamo lasciato è una pagina mai ultimata che scriviamo affacciandoci dal cuore per ritrovare noi stessi e il giusto luogo tra gli spazi verdi del mondo. L'aurora è colore, così la seta perlacea dell'imbrunire. Un'immersione nelle cose ci fa essere suono e profumo. Ritorniamo a noi tra le scale che piegano verso la terra e si schiudono al cielo.

La calma della sera
La calma della sera

 

Certe sere indossano una calma silenziosa cucita ai drappi delle stelle. Un mondo si riavvolge dentro il sipario delle cose, si accuccia come un bambino e qualcosa di bello sembra affacciarsi dalla china del colle o dal contorno sfumato della luna. Le nuvole appaiono filamenti d'argento e un odore giunge come una visita inaspettata a sedersi nel grembo delle cose.

Come un filo d'erba

 

I colori sono memoria latente eppure fertile di ciò che è stato. Sono il nostro universo nell'universo del tempo. Altro gli odori. L'odore è singolare e trascende le coordinate spaziotemporali. S'imprime e ci fa scegliere chi siamo e cosa portare dentro di noi. Gli animali si scelgono in base all'odore che crea la forma e definisce, diversamente da noi per i quali l'odore è l’infinito non circoscrivibile in alcun amplesso.

Sulle ali dell’immaginario (illustrazione Andrea Serio)
Sulle ali dell’immaginario (illustrazione Andrea Serio)

 

Vediamo solo ciò che si rende presente a noi, ma ciò che è presente a noi ora, non è spuntato qui dal nulla. È in quanto era già prima, e nulla ha a che fare con i nostri occhi bendati. L'amore cura e l'amore avvelena. Ciò che guarisce è anche medicina. Cambiano le modalità, le situazioni nel quadro delle contingenze che ci rendono presenti e altresì fluttuanti. Allora, in questa delirante complessità, un dono è guardare attraverso ciò che si riceve, protendendo lo sguardo verso altri orizzonti ad espandere quel gesto che altrimenti morirebbe in sé.

La luce della sera
La luce della sera

 

La sera è pienezza nello svuotamento. È e in quanto tale ci riempie come fa la notte con le arcate del cielo che la luce del giorno appiattisce. La sera è una nuvola piena o una macchia d'inchiostro sull'abito delle cose soffiate in lontananza. È inclinazione verso l'anima che abbraccia e in questo ci trasporta.

Parco del serio. foto by Claudio Scandelli opèra
Parco del serio. foto by Claudio Scandelli opèra

 

Siamo memorie e il frutto di trasposizioni. Pur restando ancorati al luogo dove risiediamo, possiamo tingerci di luce, come anche imbrigliarci nel fango e nel dolore. E mai sapremo, quanto chi amiamo è  realmente parte del nostro presente dove siamo a seguito dell'aver trasvolato, o intimo passato che ritorna. La creatività  in questo si sprigiona. Nel nostro rendere speciale e unico ciò  che la vita ci rimanda allo scopo di donarci  noi a nostra volta e di donare altre possibilità. 

Nuvole rosa e lago con panorama
Nuvole rosa e lago con panorama

 

La Natura c'insegna il valore della privacy e della individualità. Se ognuno non fosse che la copia degli altri, che senso avrebbe l'amore in quanto assaporamento della unicità altrui? Chi saremmo se non viandanti soli in un amalgama indistinto? Nella Natura l'amore è fertilità che dona bellezza e colori insegnando il valore della stima per se stessi che significa, quando occorre, mettere delle barriere tra il noi di copia e gli altri. Viscido altrimenti apparirebbe il tutto, senza la capacità di soffermarsi anche solo per cogliere una rosa tra le balle di fieno.

La chiocciola
La chiocciola

 

Ho sempre amato questo essere non secondo a nessuno. Tanto umile da portare sulla schiena il sole. Nella sua calma, la concentrazione della Natura.

Tempesta di neve - Joseph Mallord William Turner
Tempesta di neve - Joseph Mallord William Turner

 

La vita si ripete ma quando qualcosa ne cambia il verso, troviamo solo spaesamento intorno e dentro di noi. Cosa ci fa essere in un paese, ossia nella condizione di familiarità col nostro ambiente che è il nostro tutto? Sono gli oggetti, corpi con un'anima propria e riflessa, ad accolgerci ogni giorno con lo sguardo.

A Norwegian Fjord by Moonlight (1855) – Baade, Knud Andreassen (1808-1879)
A Norwegian Fjord by Moonlight (1855) – Baade, Knud Andreassen (1808-1879)

 

Ritorna come un getto di acqua fresca il ricordo di atmosfere vissute che hanno marchiato il passaggio dall'infanzia al dopo. Ogni ricordo si fa vero nel momento in cui riconduce all'infanzia, riaprendoci gli occhi e l'olfatto. Ritroviamo noi come eravamo nei contenuti più grandi e profondi. E ritroviamo i nostri cari nell'impronta che ci hanno lasciato, lieve e indelebile sulle spoglie della vita.

William Adolphe Bouguereau - Il rapimento di Psiche
William Adolphe Bouguereau - Il rapimento di Psiche

 

L'amore è  presagio di festa. E quale stagione realizza il tempo della festa più  della primavera? Ogni festa si accompagna a un ritorno e le rondini sono presenze di luce che spuntano dalla notte dell'inverno per tagliare la criniera del sole con le frecce dei loro corpi. La vera festa è  il passaggio alla primavera che risuona  dell'alba raggiunta. Si fa promessa di colore tingendo i prati di fiori nuovi e l'arcobaleno coniuga il cielo alla terra. L'equinozio è  congiunzione di questo abbraccio che perdura da sempre e sempre si rinnova apportando cose belle.

Nell'ora tarda
Nell'ora tarda

 

Non sappiamo mai quali dimensioni acquisirà il dolore che procuriamo all'altro anche solo per un piccolo gesto mancato. E allorquando noi maturassimo e se maturassimo la percezione di quanto causato, non sappiamo se si attuerebbe un cambiamento che non necessariamente assumerà carattere eclatante. Ciò che non risuona all'esterno e rimane concentrato in noi, matura lentamente, ma nel tempo porta buon frutto. L'attesa è una condizione interiore di chi si offre a un cambiamento non solo finalizzato a lui stesso ma che includa gli altri, in particolare chi ci è più prossimo.

Lorenzo Lippi, Allegoria della simulazione (1642)
Lorenzo Lippi, Allegoria della simulazione (1642)

 

Non è mai un gioco la morte, ma spesso capita che si muoia per aver aderito a qualcosa che appariva come un gioco. È anche vero che spesso e lo sappiamo, la vita ci tradisce lasciandoci con l'amaro in bocca. Sembra crudele e ingorda. In realtà, il suo obiettivo è quello di formarci e indurci a capire.

Vanessa Lemen - Melt Back in the Wave, oil on board
Vanessa Lemen - Melt Back in the Wave, oil on board

 

E' proprio questo il senso dell'amore. in tutto ciò che fluendo svanisce, ci ricorda della nostra esistenza. Chi siamo e il nostro valore. Il significato che portiamo qui su questa terra attraverso il corpo che ci ricopre. Quando amiamo, siamo in noi come non lo saremmo mai, nonostante l'euforia. Ma è proprio questo l'euforia d'amore. Ci fa scoprire attimo dopo attimo significati prima invisibili e sepolti da strati di chiacchiere e di cose inutili.

WHERE ARE YOU GOING I - Oil painting by Monika Luniak
WHERE ARE YOU GOING I - Oil painting by Monika Luniak

 

Ogni giorno è una scoperta. La vita ci invita a perlustrare. A salpare per nuovi lidi che non ci chiedono necessariamente di andare lontano. Tutto ciò che serve e di cui abbiamo bisogno è intorno a noi. Intorno significa tante cose. Strati su strati, veli sopra veli, tende e tappeti. Ogni giorno il miracolo è in ciò che si compie a portata di mano e che noi non cogliamo perché viziati da una visione sofisticata della vita. 

Marta Orlowska - Woman catching butterflies
Marta Orlowska - Woman catching butterflies

 

Prima si soffre e poi s'impara. La sofferenza è legata allo scontro con la realtà dei nostri desideri che vanno in caduta libera. Questo è quanto tutti riteniamo accada, sorvolando sul fatto che anche la luce ha la sua gabbia.

La magia dello specchio
La magia dello specchio

 

E' falso il mondo dell'apparire, eppure è qui che c'incontriamo e ritroviamo. La giustizia allora non è forse obbedienza a un mondo ordinato che a sua volta rispetta regole precise e prestabilite che sfuggono alla nostra comprensione razionale? La Bellezza guarisce e questo è il suo compito nel mondo. Guarire significa elevarsi dal pattume creato e determinato dall'uomo. 

Silvia Melcarne - La lunga attesa di biancaneve
Silvia Melcarne - La lunga attesa di biancaneve

 

Aspettiamo chi è già dentro di noi e ci porta a seguirlo e a coglierlo nei legami che percorrono il mondo. È l'apice l'amato, il sovrano di tutto e tutto sembra da lui discendere. È Dio che trova il suo luogo nel mondo e noi gli spalanchiamo la porta di casa.

Angelo Morbelli 1853-1919, Spring in Colma - 1906
Angelo Morbelli 1853-1919, Spring in Colma - 1906

 

Le certezze si fanno intime e sorridenti nel sole. Siamo spose al pensiero che qualcuno sorrida al mattino che si risveglia, e tra le lenzuola depositi i turbamenti notturni. L'amore è il siero dell'energia che ci spinge in avanti prostrati e doloranti, ma pieni di contentezza che è anche serenità infusa da chi culliamo nel cuore.

Nella danza del fuoco
Nella danza del fuoco

 

Il sorriso e il volto disteso o stranito accalorano. Contagiano le labbra che si appianano sul volto contratto degli altri, facendo emergere il sole dentro gli occhi. La scena si risveglia e si solleva il sipario, mostrando oltre la parete in fondo, altri orizzonti che nella cecità distratta o compressa non spiccano. 

Foto della montagna di Manu Guarneri
Foto della montagna di Manu Guarneri

 

Siamo soliti associare la nebbia all'amorfo scialbore che è tenebra e contrario della luce. La nebbia è invocazione soffusa, muto sentire che abita un'altra dimensione della luce ed è in essa presente. La luce è nebbia. Pulviscolo che confonde a seguito dell'abbaglio feroce.

Antonio Gigante - Il tempo
Antonio Gigante - Il tempo


Gli alberi sono il destino della nuova umanità rigenerata. Raccolgono esperienza e saggezza e se ne fanno testimonianza visiva. Hanno un'anima bianca che è la loro sostanza interiore: la linfa, che traspare salmone stesso. Gli alberi sono espressione del dinamico muoversi verso la luce ma anche del submanto del terreno che li nutre e in quanto tali, sono rappresentazione vivente dell'universo umano.

L'airone del cielo
L'airone del cielo

Chi ti ama, ti aiuta a comprenderti e a perdonarti. Volgersi non è voltarsi. Volgersi è il presente che cammina e si abbraccia con lo sguardo.

Foto di Marisa Pezzini
Foto di Marisa Pezzini

 

La Natura è ritmo e in esso si esprime il miracolo della danza dei colori. La danza è vita perché nasce dalla vita e la pittura converte i colori in ritmo sulla base di ciò che è stato tramutato in dinamico e da qui nuovamente in statico. Ciò che è statico acquisisce carattere dinamico e viceversa, e in tale alternanza si palesa l'impronta artistica della pittura.

Vasilij Andreevič Tropinin - Una ragazza con un vaso di rose
Vasilij Andreevič Tropinin - Una ragazza con un vaso di rose

 

Ringrazio quanto avviene sotto ai miei occhi dandomi refrigerio nella sua semplicità, come fa il vento con le foglie nella stagione nuova, e dentro di me torno a sorridere.

René Magritte, Amore a distanza
René Magritte, Amore a distanza

 

Più semplici sono le immagini, più parlano e dicono. Non ci sono parole che spieghino ciò che è elementare e vivo. 

Notte stellata di Vincent Van Gogh
Notte stellata di Vincent Van Gogh

 

Il gatto col Collarino ha traslocato sul balcone all'angolo della strada, con lo sguardo a distanza mi capita di incrociarlo mentre se ne sta tutto solo. Mi sembra sacrificato. Qui nel giardino aveva spazio a volontà e penso a quanto l'indole individuale possa fare molto nella vita e decidere per noi il corso dell'esistenza. Noi ci affidiamo a Dio o all'Universo e gli animali... i vegetali a chi si rivolgono? Forse a se stessi. In molti casi a noi umani, esseri capricciosi e irriverenti verso i mondi più grandi o piccoli a tal punto, da non comprenderli.

Il mio io nel vento

Il vento è abbandono. Fiato in gola scippato dal dolore. Nel vento ci si ritrova e ci si disperde. È la folla che inghiotte la mano di un bimbo che torna ad essere solo, senza più la madre. È il vorticare della gente nella foresta pietrificata di simulacri che vanno e vengono, a volte c'incontrano per mostrarci la via e l'apertura a un nuovo sentire, a un nuovo vedere. Il vento è questo, e abbandono ai sensi. Ci viene incontro per portarci via da dove siamo. Eppure, la nostra storia da lì è cominciata. Dal fiato di Dio che, separandoci, ci ha visti uniti.

Insieme nel sogno

 Se ripenso a tutta la bellezza incontrata e vissuta, allora sorrido e mi viene voglia di continuare a vivere. Grazie anche alla musica che ricordo e mi parla ancora.

Night 1909 Gaetano Previati (1852-1920)

Il buio della notte è fatto per consentire a coloro che si amano di ritrovarsi. Gli amanti si appartengono nella fusione dei loro respiri che fanno ritrovare la propria casa a coloro che si ritrovano l'uno tra le braccia dell'altra. Quelli che amano e si amano essendo amati, non sono come la tradizione popolare vorrebbe, gli adulteri. Gli amanti sono coloro che sanno perdonare perché il loro amore straborda dalla coppa del cuore e offre riparo al mondo triste e solo, affamato d'amore.

Alla fine del viaggio

Ogni stella è un doppio. Il suo corpo e la sua luce. Un binomio eterno che esiste da sempre e ci raggiunge da lontano. Ogni luce è un richiamo . È il filo dei nostri sogni che dimorano nell'ombra e ci fa pescare il nostro tesoro dal profondo oceano della notte.

Il destino in amore

La speranza è figlia dell'attesa ed è uno dei doni che Pandora era tenuta a custodire nel suo vaso. La speranza è legata alla vita e alla morte e al passaggio delle stagioni.

Casa è mistero

La casa ci rappresenta e ogni persona ha dentro di sé il suo mistero spesso insoluto anche dopo la morte. Non è mistero ciò che si nasconde agli altri, ma ciò che indaghiamo in noi e resta senza una risposta razionale. Il mistero allora diventa terreno inesplorato che si traduce in maschera agli occhi degli altri. Il mistero è la nostra ricchezza impenetrabile. È il contenuto che rende bella la nostra casa.

Mai solo sogni

Il pensiero della lontananza prepara al distacco e al divenire. Ci abbraccia il cielo dove ogni cosa ha il proprio luogo rassicurandoci e fermando nel cuore meraviglie. Ci governa l'infinito e il respiro dell'Eterno che ci fa nuovi di volta in volta.

La porta sul cielo

L'infinito è libertà e la libertà è amore. L'amore non trattiene. Spinge a salire. Laddove l'uno non può, l'altro va per suoi mezzi, portando la metà del cuore nelle emozioni che sono sostanza sottile della conoscenza. Quando si raggiunge questo equilibrio, nulla può finire. Tutto nella coppia può solo iniziare. Continuare ad essere.

Nel tuo grembo ancora

 Da un buco nero fuoriesce la luce. La Natura si reinventa sempre variando le proporzioni, ma ritroviamo ovunque in lei l'idea del passaggio. In merito la Natura si fa simbolo e nell'atto d'amore vi è tutto questo.

E accade il cuore

In amore, possedere è comprendere: prendere l'altro col cuore e con la poesia che solo il corpo sa comporre donandosi. E allora accade che il possesso diventi qualcosa di magico e sacro. Di appena sussurrabile, in altri momenti volgare e tragico.

La filastrocca di un elfo

La Natura è magia. Oltre l'apparenza è un mondo meraviglioso che le storie e le antiche credenze mantengono in vita di contro alla modernità.

Perche' so che ci sei

L'amore sviluppa la gratitudine e questa accede al ringraziamento. L'amore fa sospirare ogni dolore e nelle persone troppo stanche si spegne l'amore prima che esse spengano loro stesse. Il dolore è l'altra faccia dell'amore che rende gioioso e possibile ogni tragitto e il passaggio attraverso le strette porte.

Qualcosa di raro

Non è la felicità a venirci incontro, ma siamo noi ad andare incontro alla felicità anche sbagliando, anche sfidando la vita quando occorre. Così pure, non è il destino a venirci incontro, bensì il contrario, ogniqualvolta apriamo la porta di casa e ci tuffiamo nella vita. Sono tante le strade e infinite le mete. La Natura ha la felicità stampata sulle forme e anche noi se vogliamo, possiamo essere parte della stessa famiglia, scegliendo un colore che inviti l'altro a venirci incontro e a sorriderci.

Il mio porto sicuro

Che cos'è la vita se non una prospettiva che si dispiega dalla lacerazione? È rottura con quel tutt'uno che siamo stati, da quel tutt'uno da cui nel presente siamo diversi e a cui aneliamo apparentemente snaturati tra le pieghe inspiegabili del tempo. 

E mi ritrovo a guardare

Il mondo tra le braccia di un uomo ha i suoi confini che sono lontani e dispersi e tanto vicini da essere sfiorati dagli occhi dell'immaginazione. Tra le braccia di un uomo la vita si sveglia ed è una donna che nasce e si trova bambina. Da lì si mette in cammino per i luoghi della vita.

Appartenersi oltre il limite

 Le parole sono sguardi, anime con una direzione e un compito ben preciso. Semi per partire o con cui subire. Inclinano e determinano. Le parole scatenano impulsi e esercitano influssi, e sono una moltitudine di generazioni.

La purezza del cristallo

 La purezza è magnetica, attira. A volte è devastante per chi la intende ma non le assomiglia. Eppure c'è ed è il motore vivente della Natura. La incorporiamo nella nascita e poi la perdiamo, perdendoci nella vita. È fragile la purezza e profonda come il cielo che ci sovrasta.

Miele e fiele

Una lettera ribalta il senso della stessa parola. Miele, sinonimo di dolcezza, si trasforma in fiele: veleno. Il veleno diventa farmaco nel tempo. È una trasmutazione resa possibile all'interno del laboratorio alchemico che è la coscienza umana che porta alla maturità.

Sul letto dei pensieri

Nella Bellezza troviamo il compiuto, in una realtà che frammenta e non ha cura del senso che si trasmette dall'alba della storia umana.

Nell'ora della sera

Nell'ora della sera l'attesa diventa magnetica e si fa mancanza e presenza. Bisogno di appagamento. L'attesa non è mai di chi è solo, ma del solitario che dà valore alla presenza come all'assenza e pertanto sa chi incontrare.

Tu sei il mio luogo

Ci aggrappiamo all'amore nei giorni freddi, come fosse l'unico albero nella steppa desolata. L'amore è tutto. È riempimento, è cominciamento. È il sole portato fuori dal cantuccio dell'anima. È ciò che resta, l'essenza che non passa tra le luci dello stordimento. È il fuoco che arde ma non brucia e non lascia secchi.

Sul mio corpo infinito

La voce è il sussurro del vento che parte dalle caverne dell'anima. Il finito corpo contiene l'infinito: l'anima che lo nutre di forza.

Odori e pensieri

Occorre essere nelle viscere delle cose per apprezzare l'oltre e il sopra. Il nuovo tetto del mondo che di volta in volta si offre. 

Dissolvimento

 Cosa sono le stelle se non il volto disegnato da una luce discreta che poggia sul trono dell'Eterno? Con le stelle siamo ovunque e nel cuore di chi amiamo. 

Nella gloriosa nebbia

La lontananza si traduce in nebbia all'alito del vento che sfuma i contorni delle forme in movimento, facendo danzare il petto.

Incontri di dicembre

 Il tempo è un'illusione messa in bilico dall'evanescenza delle stagioni che oggi soprattutto, a causa anche dell'inquinamento, non seguono più il loro naturale corso che dovrebbe portarle a manifestarsi appieno.

Nelle sembianze di un fiore

L'amore è questo: salvarsi in due. In un mondo che non guarda a nessuno, in cui si è estranei di passaggio, io e te condividiamo sofferenze e passione.

Sotto la volta dell'intimita'

 Il sole è solo come ci suggerisce la radice etimologica del nome. Splende alto nella volta del cielo ricordandoci che non sempre chi è solo è destinato a vivere nell'ombra intesa come qualcosa di negativo.

Donna e madre

Dimentichiamo spesso che la donna non è solo una figura fisica, ma un principio che si riattiva nella Natura e nel suo ciclo di andata che ci porta a trasferirci su un piano diverso, e di ritorno. 

Nella coppa del cielo

L'amore esiste da sempre. È biunivoco nella coppia, e transeunte veleggia sul tempo. È il pronunciamento di Dio fattosi doppio nel Creato.  

Nel mio cuore antico

Come ho già in altri articoli evidenziato, siamo portati a usare indifferentemente i termini "vecchio" e "antico" per esprimere lo stesso concetto. Questa tendenza ubbidisce al dramma del nostro tempo secondo cui tutto ciò che si riferisce alla tradizione o al mondo dei ricordi va sostituito o cancellato completamente.

Incontro di tenerezze

La tenerezza non è mai violenta e sa dire tanto. Richiama attenzione, conosce il linguaggio del silenzio. È compagna dell'amore vero e sincero che viene rinverdito dalle opere semplici e pure grandi, di chi occupa un posto nell'Universo e che solo colui che ha un'anima semplice sa ascoltare. Fa più rumore la visita di una farfalla sul davanzale che l'urlo graffiante di un rinoceronte nel deserto. Si ascolta nel silenzio in cui finiscono per incontrarsi due anime gemelle.

Raggiungimi

E' delle Feste il bisogno di ritrovarsi. Ma è anche vero che è un giorno di Festa ogni volta che si ritrova se stessi o la persona che è dentro di noi. Festeggiare è ritrovare l'amore e Gesù ogni anno ci fa rivivere questo magico incontro con la sua, la nostra infanzia.

La luce nella nuvola

Nel sogno siamo uniti, prima ancora che nella vita. Siamo uniti nell'anima, prima che questa attraverso la comparsa della forma diventi spirito e pensiero. Nel sogno tutte le nostre facoltà e qualità ancora inespresse convivono e si fondono e s'intersecano all'anima che incontreremo o cercheremo in vita.

Sotto la leggerezza del cielo

Perché sì, tornerai fra mille tempeste... quando io non sarò più, tu tornerai. Lo reclama la vita. E allora saremo nella coppia che si tiene per mano. I due vecchietti che camminano piano abbracciati da una vita e per tutta la vita.

Se tu scendessi

La festa è occasione di incontro e specie le Festività sono motivo d'incarnazione della gioia del sacro nel suo significato più pieno anche attraverso la realta' di coppia.

Sul sentiero dell'inverno

Un tempo eravamo soli nella folla e soli nella gioia. Alla solitudine esistenziale oggi si aggiunge, in questo momento storico senza nome, la solitudine indotta che ci blocca sulla soglia di una lucida comprensione.
Un tempo non eravamo soli, eppure così ci sentivamo. Oggi lo siamo, ognuno partecipe dell'umana sorte che affama la paura invisibile che però porta la morte.

L'aria di Dicembre

Dicembre è un sentimento e uno stato dell'anima. I colori e le tinte soffusamente spirituali preludono alla solennità della Festa. Dicembre è il panno che avvolse Gesù nella mangiatoia e si stende su tutti noi che aspettiamo con gioia il rinnovo del grande evento. 

Ti adoro

L'amore ribalta il senso logico della realtà. È sviluppo del mistero onnipotente che trascende le cose e impera in esse. L'amore sconvolge se si fa passione. Altrimenti si adagia mai pigro, nel sonno che è abbandono al fluido corso.

Nel niente la morte

Oggi veramente siamo più che poveri, perché avvertiamo l'inutilità di ogni battaglia. Ci schermiamo con le parole dall'agonia viscida che porta alla rassegnazione. La realtà è questa e tragico è l'aver perso la memoria di ciò che eravamo nella identità ormai perduta.

Al canto del nuovo mattino

La nuova alba è sedersi per costruire all'insegna del giorno che viene. Sedersi e riposare è gustare la nuova bellezza che ritorna e ci viene incontro.

Sul tuo tronco sacro

Quando si giunge al punto che anche l'amore e l'incontro per progettarlo vengono negati dal sistema sanitario sociale, la realtà va azzerata per ricominciare dall'amore e da me con te. Ecco, questo sarebbe il punto di partenza giusto da osservare.

In tua presenza

Ogni persona ha il suo bagaglio di magia che si svela con l'amore. Cos'è questo sentimento sublime, se non riscoperta dell'integrità perduta che profonde e si nasconde al centro di ogni cosa? L'amore è invito a tuffarsi nell'intimità che anima tutto.

Nella danza del vento

Associamo il vento al cattivo umore e al maltempo, ma a volte rivela quel lato giocoso con cui la vita senza preavviso e all'improvviso, vuol da noi farsi perdonare dolori e delusioni.