La Poesia è un'istantanea fatta con le parole
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Poesie e introduzioni di Ippolita Sicoli. "La poesia è un'istantanea fatta con le parole" Impronte di Poesia

Aldo Balding: Retrospective
Aldo Balding: Retrospective

 

L'oggettività si perde quando amiamo. Chi il nostro cuore sceglie, si confonde con chi siamo. Insieme diventano uno e i nostri occhi guardano e fissano e comprendono come fossero anche gli occhi di chi amiamo. Cercano se stessi e cercano noi coppia, quegli occhi. Nonostante la coppia non esista più o non ci sia mai stata, quegli occhi vedono ciò che appartiene a loro, anche a distanza.

Opera by Jessica Hayllar (1858-1940)
Opera by Jessica Hayllar (1858-1940)

 

All'improvviso la luce appare. È il balenio di una presenza cara, avvertita soltanto, che mette a tacere i turbamenti e spinge l'anima in salita, verso il cielo e la leggerezza.

Le mani parlano
Le mani parlano

 

Pulsano di sangue e aria. Sono seta che si adagia con una carezza sulla pelle di chi amiamo. Sono palpebre stanche nelle case all'imbrunire. Sono racconto di legno o acciaio nelle mani operose degli uomini dal cuore d'oro. Sono immacolate come il mantello di Maria che culla il Salvatore. Materne sillabe delle donne in dolce attesa.

Fiorella Negro. Il sole cala dietro allo Chaberton
Fiorella Negro. Il sole cala dietro allo Chaberton

 

Aggrapparsi all'aria è segno di arrendevolezza, oppure il risultato della comprensione profonda che tutto passa per ritornare nuovamente stabile. Abbiamo radici in cielo. Non tutti ne sono consapevoli e la grazia di un nuovo inizio proviene dai campi aperti che ci sovrastano e dalle loro isole, grani di luce.

Ippolito Caffi, "Ascensione in mongolfiera nella campagna romana", 1847, olio su carta, Musei civici di Treviso'
Ippolito Caffi, "Ascensione in mongolfiera nella campagna romana", 1847, olio su carta, Musei civici di Treviso'

 

 La sera dilata e distende. Accorcia ciò che è pulsante sogno, rendendo presente a ogni singolo mondo il mistero.

Foto by Mario Greco
Foto by Mario Greco

 

Le labbra, il sopra che si chiude per baciare il sotto. Una visione all'orizzonte che sbiadisce con la sera. La bocca è la fugacità di un incontro verbale o carnale, la rappresentazione compiuta di forme che si richiudono o aprono all'altro.

Thomas Wilmer Dewing (American, 1853-1938) - Spring 1890.jpg
Thomas Wilmer Dewing (American, 1853-1938) - Spring 1890.jpg

 

Sentiamo nell'aria prima di vederlo quanto sta tornando, portando il cambiamento. Annusiamo prima di vedere e tastare con mano ciò che torna recando il nuovo. La vita è un continuo tornare che coincide con un andare verso nuovi passi e la primavera ce lo rammenta.

Foto by Marisa Pezzini
Foto by Marisa Pezzini

 

Chi amiamo è in noi e ovunque. È il ritratto di Dio che si fa uomo e ogni singola creatura animata e inanimata del Creato. Chi amiamo abbatte la struttura delle distanze. È il braccio di Dio che s'inarca dal cielo in terra con tutti i colori del Creato. Ricordandoci che c'è ed è comprensivo di tutto.

Abraço
Abraço", Pittura da Bruno Steinbach

 

Il tempo è distrazione e costruzione. Nel tempo ci svolgiamo come nastri che si srotolano verso il cielo e s'inventano al fiume caldo della vita. Siamo corrente in ascensione che cammina separandosi dal resto in una compunta o rarefatta identità.

Helen Allingham (1848-1926), La scala, Whittington Court, Gloucestershire
Helen Allingham (1848-1926), La scala, Whittington Court, Gloucestershire

 

I miracoli accadono e rompono l'ordinario. Il miracolo è quanto già scritto e non noto che buca il presente stravolgendone il senso. Non esiste miracolo lontano dall'amore. È quanto si compie senza forzature, realizzando un destino scritto altrove, su un foglio sotterrato e mai immaginato.

La verità dei bambini
La verità dei bambini

 

Siamo nel sonno, nella piena età della logica. Siamo nel sonno e le porte fatte per aprire e chiudere, per comunicare e far comunicare tempi e ricordi tra loro, ora sono luoghi che catturano e non fanno più uscire. Siamo adulti in un tempo che ha estinto la sua fiammella e di sacro ci ha lasciato poco ed è ciò a cui voltiamo le spalle o schiacciamo col nostro passo da gigante.

Painting - Tetsuiro  Wakabayashi
Painting - Tetsuiro Wakabayashi

 

Sono vetrate le ore in cui ci facciamo presenti a noi stessi. Vetrate trafitte da fendenti della luce, o semplicemente da momenti che lasciano scorrere l'impurità che portiamo dentro. Il grigio allora è un colore che lascia intravedere nel torbido un alone di luce e sbiadisce, devia in un chiaro d'uovo che annaspa nel cielo sgombro.

Foto by Mario Greco
Foto by Mario Greco

 

Là dove il paesaggio è scarno, il cielo riempie. È tutto. La leggerezza la associamo al vuoto e invece la leggerezza colma il passo del poeta e lascia impronte di levità che solcano gli animi sensibili. Imparare la leggerezza per non urtare e farsi del male e per comprendere e attuare un grande insegnamento: che il dolore lacera chi per primo il male ha procurato.

Lyudmila Romanova, "nice surprises"
Lyudmila Romanova, "nice surprises"

 

Fiorisce tutto ciò che è inaspettato. È la sorpresa della luce nella pioggia. Regaliamo fiori per sorprendere in positivo chi amiamo e come gesto di buon augurio per una vita degna di essere vissuta. I fiori sono sorprese che ammantano di calore i giorni gelidi. Sono la primavera che fiorisce nella vita di tutti i giorni. I fiori e la sbocciatura legano a sé la vita e le sue molteplici forme, ricordandoci l'appartenenza che governa tutte le cose e si esprime in amore.

William Worcester Churchill - Leisure
William Worcester Churchill - Leisure

 

Alla fine ricordiamo solo l'anima e il suo profumo. Li ripeschiamo nei giorni che come un velo sdrucito ci scivolano di dosso lasciandoci un nudo pianto. Ricordiamo l'anima, la nostra e quella di chi abbiamo incontrato, avuto o mai assaporato. Il ricordo si ricopre di nullità come un sepolcro imbiancato in solitaria.

Marcel Rieder - Decorating the Christmas Tree
Marcel Rieder - Decorating the Christmas Tree

 

Il Natale era un profumo fino a ieri. Ora, la nostalgia ha il volto sconosciuto di chi ci ha preceduti e ci intona i suoi racconti. La speranza non è più il volto di chi amiamo orlato di luce mentre ci porta una lampada nuova. Sono gli insegnamenti tracciati che resistono ai diari della storia ancora indecifrati. Sono i pianti di uomini e donne che in noi si destano come ululati alla luna che presto sorgerà sulla foresta marmorea d'inverno.

Giovanni Boggio Cristalli di Luce (Omaggio al Maestro F. Ferrari) (2009)
Giovanni Boggio Cristalli di Luce (Omaggio al Maestro F. Ferrari) (2009)

 

Mia terra amata, che ne sarà di noi fino all'estate prossima? Sei tu, mia consolazione eterna, patria dei luoghi immutati, come lo sono i ricordi cristallizzati nel tempo. Sotto la coltre di apparenti increspature e movimenti che è la vita, alberghiamo noi con il nostro vissuto, misero eppure ebbro di tutto.

gatto sulla sedia alla finestra
gatto sulla sedia alla finestra

 

E se entrassi tu. Allora la mia stanza diventerebbe il cielo, l'eternità col resto mancato. Rimango immobile per non turbare il passaggio delle nuvole, le loro braccia che ti allevano come un baco da seta. Per renderti qui, presente e visibile come non lo sei stato mai.

Marc Fishman - La Belle Dame Sans Merci
Marc Fishman - La Belle Dame Sans Merci

 

È privato ciò che non fa rumore e dipinge solenni sfumature sul cuore. Il privato è calda tenebra che vira in accecante luce quando si tuffa tra gli altri. È un mondo a sé che non conosce preclusioni ma serietà e verità che altrove non troverebbero spazio.

 Mm Saudade Osmose (2013)
Mm Saudade Osmose (2013)

 

Il profumo è incontro e dall'incontro matura la conoscenza. Trova spazio in noi solo ciò che incontriamo e si ricolloca in noi trovando nome e affermazione. È così che riemergono dalle oscurità tracce di vita sepolte prima a noi sconosciute. È così che chi amiamo, attraverso l'odore ci riconsegna immagini e suoni, i complessi segreti della vita.

Aria tra le braccia
Aria tra le braccia

 

Nel tempo dimentichiamo anche noi stessi, chi e cosa eravamo. Dimentichiamo l'aria che ci appartiene e diventiamo pesanti, ingolfati da una finta pienezza che in realtà è concretezza. Si dimentica il volto bambino e la natura prende altre strade in noi, lontane da quegli orizzonti alle nostre spalle divenuti cenere.

William Turner - Pioggia, vapore e velocità
William Turner - Pioggia, vapore e velocità

 

Vorremmo tutti aver vissuto di più i luoghi e le persone che poi ci hanno lasciato. Quel tempo... ma non possiamo essere in due e più posti contemporaneamente e questo ci lascia insoddisfatti. I luoghi ci chiamano nel passare delle stagioni e degli anni. Ci vorrebbero riportare a sé come se nulla fosse cambiato o mai dimenticato.

Dipinto by David Jackson
Dipinto by David Jackson

 

Viviamo costantemente di sorprese senza che ce ne rendiamo conto. Siamo fatti di attese inutili che ci rapiscono la vita e non ci fanno cogliere l'intensità raccolta nelle cose. Siamo fatti di fantasmi che passeggiano sulle nuvole in cerca di appigli che mai esisteranno, e calpestano tutt'intorno i prati che fioriscono.

Dimenticare è a volte non accorgersi di quanto accade e ci risveglia. E' essere lontani dalla vita e da se stessi, dando luogo a una disarmonia prodotta da strumenti scordati.

Formazione di due stelle gemelle
Formazione di due stelle gemelle

 

Gli opposti seguono linee simmetriche che smarriscono la corrispondenza di riflessi da noi ammirata nelle immagini speculari. La specularità è dell'amore, delle stelle gemelle che ruotano in una danza felice, mantenendosi unite nonostante la distanza. Fino a quando il legame non si spezza, continuano ad appartenersi, dopo di che ciascuna si slega per prendere ad andare per conto proprio alla deriva di un universo divenuto di colpo sconosciuto.

Vladimir Kush
Vladimir Kush "Birth of Love"

 

C'è desiderio e desiderio. Non tutti i desideri sono uguali, nonostante la parola del cielo sia effusa nella polvere siderale che si spegne sulla terra portando a compimento se stessa. C'è il desiderio che rinviene dalla notte dei tempi a un richiamo di appartenenza e contiene il senso del proprio esserci, e il desiderio che è perdizione nell'attimo che si estingue. Il desiderio che è capriccio di un bambino che urla e pretende .

È ora di riaccendere le stelle by Claudio Scandelli
È ora di riaccendere le stelle by Claudio Scandelli

 

È tutto danza e brusio la vita. Una danza soffusa e dolce che abita il cuore e ci coinvolge, ad esso fa ritorno. L'estate è la stagione delle forze che danno vita a espressioni eclatanti suscitando emozioni sfacciate.

Non privarmi di te
Non privarmi di te

 

Il due è una costruzione complicata che ha per tetto le fondamenta del cielo. È una casa che ogni tanto scricchiola, con una tegola posta sulla sommità che dà slancio e regge il tutto. Il due è armonia nelle imperfezioni e l'accordo speciale, unico, prezioso che mantiene vivo il senso dell'unione.

Armand Point  - Pond
Armand Point - Pond

 

Siamo alla finestra sul far del nascere e di ogni alba che ci travolge. Venire al mondo è ritrovare la luce, è riappropriarsi in altre forme di ciò che abbiamo conosciuto lassù e che ci lascia la mano per farci a lui ritornare.

E si fa subito notte
E si fa subito notte

 

Certe mancanze non tramontano. Sono lune impresse nel cielo anche di giorno. Sono sonni che non rubano alla realtà, animati come appaiono di scaltrezza inutile. Sono lacune che noi riempiamo di ricordi e di ripensamenti che ci fanno esistere e intravvedere un dolce oblio oltre la soglia.

Foto dal titolo Il Cielo  di Marisa Pezzini
Foto dal titolo Il Cielo di Marisa Pezzini

 

Non sempre l'amore è conoscenza. Spesso è una via libera che accende il presente di senso. Siamo amati e spesso senza alcun merito. Gloria e regalo dell'Universo che mantiene riserbo e fascino è l'amore. Succo e sapore che in noi imprimono un mistero illeggibile.

Claude Monet (1840-1926), Les Oies dans le ruisseau, 1874
Claude Monet (1840-1926), Les Oies dans le ruisseau, 1874

 

La pandemia e quanto ne deriva ci stanno portando a selezionare e a salvarci tra le braccia di chi non conosciamo. A scompaginare le vie dei ricordi dove ritrovare noi stessi su sentieri battuti, falciando tutto il resto e quel contorno tanto famigliare e divenuto d'un tratto un fardello da non voler più sopportare.

Dipinto di Moussin Irjan
Dipinto di Moussin Irjan

 

C'è anche il mio cuore in questa Italia tirata su dalle macerie prima che io nascessi. C'ero io come già tanti che ancora nasceranno e che si guarderanno intorno spauriti per ciò che troveranno. C'è un cuore dove gli altri vedono una squallida opportunità di guadagno o un bel vestito nell'atrio del teatro.

La crudezza del vero
La crudezza del vero

 

Siamo spettri che allontanano chiunque viva tra gli ori e gli stucchi dorati. Incutiamo timore non per la bruttezza, ma per il dolore che schiuma tra le nostre labbra. Sofferenza inascoltata o inespressa, comunque incompresa.

Nel vano delle cose belle
Nel vano delle cose belle

 

Questa è una delle foto che amo di più e non per la foto in sé, bensì per ciò che mi ricorda. È del 27 dicembre 2019. Ricordo quella sera non perché fossi particolarmente felice, ma per la serenità che avevo dentro. Ti ho sentito vicino e ho sentito vicina me stessa. Di lì a poco il mondo sarebbe cambiato fuori e dentro di me, ponendo una pietra tombale sui luoghi di accesso tra me e il nuovo.

In miracolosi frangenti
In miracolosi frangenti

 

Incontriamo chi non conosciamo e qui è il vero senso di ogni incontro, a prescindere che sia momentaneo o il preludio di una relazione profonda. Conoscere è quindi riappropriarsi di uno sconosciuto a noi tanto caro a monte del tempo. Ritroviamo noi e loro nei sogni, anime dimenticate perché traslate in luoghi in cui ci sembra di naufragare al presente per miracolosi frangenti.

La geografia del sentire
La geografia del sentire

 

L'amore esprime il desiderio d'inglobare l'altro. Di riempimento che diviene esplorazione di nuovi spazi, slancio verso quella totalità che solo il sentimento più puro e più elevato consente di raggiungere. Con l'abbraccio alla persona cara circuiamo il mondo e le infinite possibilità che contiene. Abbracciando coinvolgiamo e slanciamo l'altro attraverso il contatto diretto con noi che lo fa essere non ospite, ma sostanza piena della nostra intimità.

La corde sensibile di René Magritte
La corde sensibile di René Magritte

 

 

Il cielo d'autunno ci fa volare verso l'alto con lo sguardo e nel contempo ci riconduce alla terra che si fa nei giorni sempre più variopinta. Sembra allora di inoltrarsi in una galleria oscura quanto magica che attende incontri meravigliosi.

Gianluca Crisanti La natura é amore. (2018)
Gianluca Crisanti La natura é amore. (2018)

 

 È l'amore il paradiso e la persona che si ama lo sprazzo di cielo che lo racconta. Amiamo e ci concentriamo, ma anche amiamo e ci  astraiamo. Nella conta dei giorni l'amore è  accecamento e visuale nitida che le lacrime cristallizzate nei ricordi lavano. Sei cielo e ti abbraccio. Se non è questo un miracolo! L'amore è  la pelle del firmamento che riluce e brucia. Luce e tenebra che scende nel concreto e si fa realtà.

L’attente, Philippe Charles Jacquet
L’attente, Philippe Charles Jacquet

 

La mia anima è la mia forza. È la mia parte più nobile che accarezza i pendii irsuti della vita. È il Signore che è in me. Non sorge e non tramonta ma invita alla pienezza del tempo che scorre via precipitando a valle in rigagnoli di montagna. Mi eleva l'anima dalle nefandezze e dal fango mi ritrovo cielo da dove ogni realtà si mostra minima nella misura in cui scalfisce il lato nobile di ogni cosa.

Love in Venice, by Andrei Dobos
Love in Venice, by Andrei Dobos

 

Nel dedalo della società odierna svariate sono le immagini e altrettanti svariati i significati. Uno solo è l'alfabeto ed è legato all'anima oggi tanto in disuso. Siamo per questo in balia di alfabeti disfunzionali annidati tra i gangli delle connessioni, all'ombra delle finitudini.

Lacrime del cielo (Laura Lazzaro)
Lacrime del cielo (Laura Lazzaro)

 

Come la vita la libertà è un dono, da molti tradotto in grazia rilasciata da chi si arroga il diritto di essere superiore. La libertà va educata e allora porta buoni frutti. Non esiste libertà senza Dio perché di aria nutriamo l'anima.

Joseph Lorusso - Abbraccio
Joseph Lorusso - Abbraccio

 

Il due è un mondo. Una circonferenza piena che va oltre il sogno. È dono e costruzione di un abbraccio. È la concretezza dell'aurora che impregna di vita ogni cosa. Il due è un sogno ascoltato, mai imparato, che ci portiamo dentro come una foglia che non osiamo staccare dal ramo.

Alba d'Occidente
Alba d'Occidente

 

Amo l'Occidente perché il nuovo giorno dal Dio bambino che siede sul trono della Natura esce. Qui da noi, l'alba è sui monti e intona le trombe dell'Altissimo. Dio sembra chinarsi dal cielo e tracciare la curva della Natura sotto la sua fiammante ala. Nel silenzio si conclude il giorno e una rara pace si solleva nell'aria.

Giovane Ragazza sul Molo - Edvard Munch
Giovane Ragazza sul Molo - Edvard Munch

 

Puoi aspettare pur tutta una vita quella persona, quel momento, quella situazione. L'importante è che tu ricordi di vivere comunque e in ogni caso, attimo per attimo. Se la vita ti chiederà di cambiare, fallo, purché non a tue spese. Guarda sempre oltre il momento, tieni sempre un passo nel futuro e affacciati al balcone del domani.

Gioacchino Toma - The Rain of Ashes 1880
Gioacchino Toma - The Rain of Ashes 1880

 

Il verde è il sacro tempio di Dio e io, Calabria mia, ho il cuore in ginocchio.

La Madeleine à la veilleuse - Georges de La Tour
La Madeleine à la veilleuse - Georges de La Tour

 

Oggi è il mio compleanno astrale. La caduta delle stelle è il principio di ogni incominciamento, che ci portiamo segretamente nell'anima.

Marc Chagall - Song of Songs
Marc Chagall - Song of Songs

 

L'amore cammina oltre il cuore. Va oltre se stesso per infilarsi nella sorgente dei tempi e da qui scivolare sui cristallini campi stellati. L'amore porta via e riempie. È un flusso continuo. È il ritmo della vita.

Odilon Redon - Devotion near a red bush
Odilon Redon - Devotion near a red bush

 

Siamo figli della stessa meraviglia. Non proprio. Esistono le stirpi anche in base all'anima e alla provenienza celeste. Esistono stirpi che gravitano attorno alle proprie stelle nel vuoto cosmico che è un vuoto pieno. Esistono stirpi precipitate sulla terra e altre sorte qui secondo precisi scopi. Ci sono stirpi nate per morire e altre per condurre oltre la propria esistenza.

Amantea, incendio
Amantea, incendio

 

Colonne di fuoco si ergono sulle colline intorno e la puzza di fumo entra in casa. Penso alla terra martoriata e all'inferno per animali e piante causato dall'uomo. E sono in pena per le uova divorate dalle fiamme e per il pianto delle mamme delle tenere creature che più rivedranno.

Giovanni Gasparro - Speculum Iustitiae
Giovanni Gasparro - Speculum Iustitiae

 

 

Il dio è l'idea inestinta. Ciò che riempie e ci riempie e mai tradiamo nel presente. L'idea è il dio generato che a sua volta genera noi muovendo il nostro agire. Tradire se stessi è tradire il proprio dio e l'idea: il tesoro dentro di noi sorto dalle nuvole, eterno prima di incontrare la materia. È pulito ciò che scorre in noi e ci nutre dandoci la vita.

Mare verde di Fulvia Simonato
Mare verde di Fulvia Simonato

 

La vita non è tutta solo nostra e questo insegna il mare. Il nostro è fin lì dove si posa lo sguardo, poi l'infinito ha inizio. Oltre l'orizzonte, il passato e il domani si sovrappongono a ricordarci che l'individuo è un punto di una costellazione di vite che s'intersecano e si legano.

L'illusione della luna
L'illusione della luna

 

Essere insieme. Tesse l'illusione la lontananza. Sentire è già sogno e illusione a cui spesso segue il presente con la sua amarezza. È della luna il potere di resuscitare in noi sempre ulteriori illusioni tradite in modo dolce e lesivo al contempo. Ci assorbe e riassorbe in noi, inducendoci a dimenticare la sua rotondità nel momento in cui riflette nel suo volto lo specchio delle nostre aspettative.

Lo scudo del sole
Lo scudo del sole

 

Nella piccolezza c'è la compiutezza. In un osso, i sedimenti della roccia sono rifugio di un cuore morbido. La chiocciola va, portando il peso di ere geologiche e di immemori messaggi mai urlati così forte e per questo poesia dei cuori sensibili.

Il dolore della bellezza
Il dolore della bellezza

 

Il dolore è nel fiore della bellezza che si schiude. La felicità traboccante commuove ed è parte del dolore più sottile e verginale. È la seta della profondità che non conosce confini tra sensazioni e sentimenti. La felicità trasfusa nelle emozioni è bellezza imperante, ma anche incontenibile dolore per l'indefinibile grazia che percorre le nostre fibre.

Kenneth Frazier - Woman with a Rose 1891-1892
Kenneth Frazier - Woman with a Rose 1891-1892

 

Nei racconti ascoltati, nelle parole descritte dalla nostra anima custodiamo un giardino nel recinto raccolto. Qui siamo anima e non forma, che saluta e bacia altre anime che giungono a visitarci. Le pareti di casa sono piante regalateci da amori passati e ancora sognati. I mobili sono persone dal tatto dolce che ci fa sentire eterne e sempre a una festa.

La Primavera by Galileo Chini
La Primavera by Galileo Chini

 

Siamo noi a fare i luoghi. I luoghi ci possiedono e riflettono la nostra luce. Locus e Lux si appartengono nella radice e sono ciò che emerge di noi stessi, chi siamo al di là di noi e del nostro fluire.

Volte e vite
Volte e vite

 

Ci avvitiamo su di noi per contrarci e per espanderci. È una danza che dall'Uno porta al Due e da qui al Tre e dà luogo alla vita. Una danza infinita nella volta del Cielo e nello Spazio in cui siamo, che si rinnova di continuo. È qui il valore della lettera V che suggerisce espansione dalla radice in basso.

Nel sogno di una nuvola
Nel sogno di una nuvola

 

Siamo qui, oscillazione perenne tra vita e morte, sogno e materia. Siamo spiriti prestati alla carne che ci assorbe, facendoci dimenticare la nostra vera casa. La sogniamo e sogniamo di volare come il cielo sui giorni, ma abbiamo paura di cadere e la vita ci riporta dove siamo.

Chiaro di luna di Alfons Mucha
Chiaro di luna di Alfons Mucha

 

L'abitudine nasconde molte insidie. La notte è degli avventurieri, sempre accorti su tutto e guidati dalla voce del proprio petto. È degli avventurieri amare la luna che reclama la concentrazione tutta su di sé. Desiderarla e cercarla. È il faro dei primi attori e dei regnanti.

Foto di Mario Alessandri
Foto di Mario Alessandri

 

Di sera tutto si purifica e il fuoco acquista tonalità turchesi sacre all'anima. In certe sere si rivà lontano con i pensieri e mentre l'aria si fa leggera, l'anima si rende presente e potente al punto da toccare cuori lontani.

Gustave Dore (1832-1883), Les Fées
Gustave Dore (1832-1883), Les Fées

 

È questo il periodo delle scintille tra i prati. A ricordarci che nel piccolo c'è la stupefacenza del mistero dell'Universo e che la volta stellata ha senso se scivola in noi. Nel suo farsi piccola, rimanendo immensa nella sua penetranza.

Di Barbara De Luca
Di Barbara De Luca

 

Resta il mare a consolarmi. Resta il mare e il tuo odore disciolto tra le lacrime che ho versato a fiotti.
Il mare non è qualcosa che resta, è la cosa che è e asciuga tutti i drammi. Chi muore nel mare è raggio di sole assorto a nuova vita. Nel mare si ritrovano tutte le lacrime del mondo. Ogni goccia è un'anima.

Sono vento
Foto di Delfina Cordiale

 

L'attesa è un gatto alla finestra. Guarda e vede ciò che noi non sappiamo. Ecco l'illusione degli occhi. Per questo è mistero e fascino. È una donna ben vestita che cammina ai bordi della vita frenetica che va rotolando sulla strada. È una porta chiusa su un giardino profumato.

Cielo stellato - Emil Nolde
Cielo stellato - Emil Nolde

 

Un soffio di luce sfiora le nubi appena sopra l'orizzonte. Sono labbra che si chinano a baciare il fiore della notte e poi subito si richiudono nel loro velluto privato. Gli occhi sfiorano e prendono il nettare delle immagini, che subito fugge dopo aver colpito lo sguardo. Ci colpisce ciò che poi scolpiamo in noi e ci definisce. Abbiamo bisogno di prendere per definirci e dare luce a noi stessi. Apprendere per formarci, e in questo si svolge il disegno sublime della gratitudine.

Claudia Salvadori – Cogli la prima mela
Claudia Salvadori – Cogli la prima mela

 

Non c'è testo sacro che non sia stato scritto rivolto alla donna e alla sua fonte di magnetica esaustività che presiede ogni forma materica. Non c'è poesia elevata che non si esprima come vellutato tributo alla donna e ai suoi segreti più vividi che alimentano l'enigma affascinante delle multiforme espressioni di vita.

Heaven by Christian Schloe
Heaven by Christian Schloe

 

La geografia che colpisce non è più quaggiù. Si svolge al di sopra, congiunta alla nostra nudità bianca, interiore. Il cielo è lo sposo dell'anima. Le nuvole, i veli nuziali che avvolgono e seducono nella bellezza che altrove non ritroviamo più. Osservo il cielo e ti ritrovo. Ritrovandoti, riabbraccio me e ciò che ancora aspetta di essere. Sei tu e sono io nella caducità del tempo che in alto ci sostiene immortalandoci nella luce come maldestri funamboli che arrancano nella realtà del mondo.

Henry Ryland an allegory of spring
Henry Ryland an allegory of spring

 

Siamo luoghi di ombre o di poesia che si accendono grazie ai sentimenti. Siamo geografie che illustrano il nostro cuore e che grazie all'amore prendono vita, fisionomia e colori.

Laura Brandoli - La nomade, 2012, olio su tela
Laura Brandoli - La nomade, 2012, olio su tela

 

Il dolore è muto e diviene aulico stridore tra i versi. La solitudine è del poeta e di chi possiede un'anima che sfugge alla superficialità del mondo. Ognuno ha la propria nicchia in cui si ritira col proprio dolore. Eppure è del poeta, esule tra le folle, rivolgersi al Cielo e mostrare ferite nascoste o troppo profonde. Crudamente care.

Flaming June, by Frederic Lord Leighton (1830-1896)
Flaming June, by Frederic Lord Leighton (1830-1896)

 

E tornato Nerone Panterone. Se ne sta accucciato come un giacchino di velluto precipitato dallo stenditoio, e dorme profondamente. Sarà in compagnia degli angioletti adesso, nonostante le sue notti brave. Mi dà gioia vederlo e lo lascio riposare.

Marc Chagall per la copertina di Leonide Massine, New York, anni Quaranta
Marc Chagall per la copertina di Leonide Massine, New York, anni Quaranta

 

Ogni volta che accade qualcosa,  è  Dio che viene tra noi.

La magia è tutto ciò che già esiste. Nell'accadere c'è la promessa e la destinazione di un progetto. L'evento che si compie è la concretizzazione di un'idea che è già la traccia di una compiutezza. L'accadere è la vita che si fa sorpresa e sta a noi accogliere. L'accadere è la venuta di Dio che si fa nuovo di volta in volta come nuovi ci facciamo noi continuamente, alberi che cambiano le foglie e riconfermano nel nuovo le radici. Ogni novità è di fatto una riconferma che spunta e nell'annuncio che la precede è riposta la sua eccezionalità.

Andrea Neri – Cercare è
Andrea Neri – Cercare è

 

Il sentiero è la via a riparo dei sensi che distraggono. Il sentiero è la via che scegliamo con gli occhi chiusi rivolti all'interno. È la via del nostro sentire che è il tutto, mentre la ragione è solo una nostra parte. Sentiero e Sentire si appartengono quanto apparteniamo noi al tunnel che c'immette nella vita.

The Star Talers by Paul Hey
The Star Talers by Paul Hey

 

Nasciamo grandi e ci pieghiamo poi alla vita. C'incurviamo per aprirci ed estenderci e ci flettiamo per riavvolgerci e contenere, prima di perdere tutto alla fine del viaggio. La curva è il ventre e la curva è improvvisa via di fuga. È la sorpresa del destino che vuole la partita vinta su tutto e ci sprona a sfidarlo.

La piaga sul cuore
La piaga sul cuore

 

La forza di un animale maschio è la vita della luce. Il senso d'impotenza davanti alla ferocia della vita è il sole che si ripiega in se stesso e si riavvolge nell'anima che assiste e piange. C'è incomprensione e tanta inermità dal duro sapore di una sconfitta in questo mondo. Il cielo si fa grande e la terra al di sotto geme, mentre una forza oscura ci chiede di continuare.

Gustav Klimt - Two girls with oleander, 1890-1892
Gustav Klimt - Two girls with oleander, 1890-1892

 

Ciò che arriva è la linea di confine tra il non ancora nato e il nulla. Gli odori... imbrattano il naso di altre vite che già vivono dentro di noi, altrimenti non le avvertiremmo. Avvertire è già riconoscere senza aver posto un nome. È qualcosa che spunta come un neonato arrivato or ora.

Fioritura della lavanda a Valensole, Provenza (iStock)
Fioritura della lavanda a Valensole, Provenza (iStock)

 

Lisciottone Mio sta sistemando per le feste il sopraggiunto Fog dal collarino verde. Si fa valere quale degno figlio del Gatto Grigio.

Da un pò di tempo non vedevo i gatti nel giardino. Poi ieri, il ritorno di Nerone Panterone mi ha fatto ben sperare. Se ne stava mogio e immobile sul suo muretto preferito, mentre il Gatto col Collarino a tratti compariva sul suo balcone. Chissà se si ricorda di me... se mi pensa... sono portata a chiedermi. La vita continua e va avanti e ciò che è stato si dissolve in una nuvola azzurra che sprigiona inaspettatamente e all'improvviso il suo profumo.

Maurice Chabas, Le nuage rose, étude de ciel, huile sur toile
Maurice Chabas, Le nuage rose, étude de ciel, huile sur toile

 

Sentiamo l'odore di chi abbiamo nell'anima e non ci abbandona mai. L'odore è presenza ed è il presente. Ciò che abbiamo lasciato è una pagina mai ultimata che scriviamo affacciandoci dal cuore per ritrovare noi stessi e il giusto luogo tra gli spazi verdi del mondo. L'aurora è colore, così la seta perlacea dell'imbrunire. Un'immersione nelle cose ci fa essere suono e profumo. Ritorniamo a noi tra le scale che piegano verso la terra e si schiudono al cielo.

La calma della sera
La calma della sera

 

Certe sere indossano una calma silenziosa cucita ai drappi delle stelle. Un mondo si riavvolge dentro il sipario delle cose, si accuccia come un bambino e qualcosa di bello sembra affacciarsi dalla china del colle o dal contorno sfumato della luna. Le nuvole appaiono filamenti d'argento e un odore giunge come una visita inaspettata a sedersi nel grembo delle cose.

Come un filo d'erba

 

I colori sono memoria latente eppure fertile di ciò che è stato. Sono il nostro universo nell'universo del tempo. Altro gli odori. L'odore è singolare e trascende le coordinate spaziotemporali. S'imprime e ci fa scegliere chi siamo e cosa portare dentro di noi. Gli animali si scelgono in base all'odore che crea la forma e definisce, diversamente da noi per i quali l'odore è l’infinito non circoscrivibile in alcun amplesso.

Sulle ali dell’immaginario (illustrazione Andrea Serio)
Sulle ali dell’immaginario (illustrazione Andrea Serio)

 

Vediamo solo ciò che si rende presente a noi, ma ciò che è presente a noi ora, non è spuntato qui dal nulla. È in quanto era già prima, e nulla ha a che fare con i nostri occhi bendati. L'amore cura e l'amore avvelena. Ciò che guarisce è anche medicina. Cambiano le modalità, le situazioni nel quadro delle contingenze che ci rendono presenti e altresì fluttuanti. Allora, in questa delirante complessità, un dono è guardare attraverso ciò che si riceve, protendendo lo sguardo verso altri orizzonti ad espandere quel gesto che altrimenti morirebbe in sé.

La luce della sera
La luce della sera

 

La sera è pienezza nello svuotamento. È e in quanto tale ci riempie come fa la notte con le arcate del cielo che la luce del giorno appiattisce. La sera è una nuvola piena o una macchia d'inchiostro sull'abito delle cose soffiate in lontananza. È inclinazione verso l'anima che abbraccia e in questo ci trasporta.

Parco del serio. foto by Claudio Scandelli opèra
Parco del serio. foto by Claudio Scandelli opèra

 

Siamo memorie e il frutto di trasposizioni. Pur restando ancorati al luogo dove risiediamo, possiamo tingerci di luce, come anche imbrigliarci nel fango e nel dolore. E mai sapremo, quanto chi amiamo è  realmente parte del nostro presente dove siamo a seguito dell'aver trasvolato, o intimo passato che ritorna. La creatività  in questo si sprigiona. Nel nostro rendere speciale e unico ciò  che la vita ci rimanda allo scopo di donarci  noi a nostra volta e di donare altre possibilità. 

Nuvole rosa e lago con panorama
Nuvole rosa e lago con panorama

 

La Natura c'insegna il valore della privacy e della individualità. Se ognuno non fosse che la copia degli altri, che senso avrebbe l'amore in quanto assaporamento della unicità altrui? Chi saremmo se non viandanti soli in un amalgama indistinto? Nella Natura l'amore è fertilità che dona bellezza e colori insegnando il valore della stima per se stessi che significa, quando occorre, mettere delle barriere tra il noi di copia e gli altri. Viscido altrimenti apparirebbe il tutto, senza la capacità di soffermarsi anche solo per cogliere una rosa tra le balle di fieno.

La chiocciola
La chiocciola

 

Ho sempre amato questo essere non secondo a nessuno. Tanto umile da portare sulla schiena il sole. Nella sua calma, la concentrazione della Natura.

Tempesta di neve - Joseph Mallord William Turner
Tempesta di neve - Joseph Mallord William Turner

 

La vita si ripete ma quando qualcosa ne cambia il verso, troviamo solo spaesamento intorno e dentro di noi. Cosa ci fa essere in un paese, ossia nella condizione di familiarità col nostro ambiente che è il nostro tutto? Sono gli oggetti, corpi con un'anima propria e riflessa, ad accolgerci ogni giorno con lo sguardo.

A Norwegian Fjord by Moonlight (1855) – Baade, Knud Andreassen (1808-1879)
A Norwegian Fjord by Moonlight (1855) – Baade, Knud Andreassen (1808-1879)

 

Ritorna come un getto di acqua fresca il ricordo di atmosfere vissute che hanno marchiato il passaggio dall'infanzia al dopo. Ogni ricordo si fa vero nel momento in cui riconduce all'infanzia, riaprendoci gli occhi e l'olfatto. Ritroviamo noi come eravamo nei contenuti più grandi e profondi. E ritroviamo i nostri cari nell'impronta che ci hanno lasciato, lieve e indelebile sulle spoglie della vita.

William Adolphe Bouguereau - Il rapimento di Psiche
William Adolphe Bouguereau - Il rapimento di Psiche

 

L'amore è  presagio di festa. E quale stagione realizza il tempo della festa più  della primavera? Ogni festa si accompagna a un ritorno e le rondini sono presenze di luce che spuntano dalla notte dell'inverno per tagliare la criniera del sole con le frecce dei loro corpi. La vera festa è  il passaggio alla primavera che risuona  dell'alba raggiunta. Si fa promessa di colore tingendo i prati di fiori nuovi e l'arcobaleno coniuga il cielo alla terra. L'equinozio è  congiunzione di questo abbraccio che perdura da sempre e sempre si rinnova apportando cose belle.

Nell'ora tarda
Nell'ora tarda

 

Non sappiamo mai quali dimensioni acquisirà il dolore che procuriamo all'altro anche solo per un piccolo gesto mancato. E allorquando noi maturassimo e se maturassimo la percezione di quanto causato, non sappiamo se si attuerebbe un cambiamento che non necessariamente assumerà carattere eclatante. Ciò che non risuona all'esterno e rimane concentrato in noi, matura lentamente, ma nel tempo porta buon frutto. L'attesa è una condizione interiore di chi si offre a un cambiamento non solo finalizzato a lui stesso ma che includa gli altri, in particolare chi ci è più prossimo.

Lorenzo Lippi, Allegoria della simulazione (1642)
Lorenzo Lippi, Allegoria della simulazione (1642)

 

Non è mai un gioco la morte, ma spesso capita che si muoia per aver aderito a qualcosa che appariva come un gioco. È anche vero che spesso e lo sappiamo, la vita ci tradisce lasciandoci con l'amaro in bocca. Sembra crudele e ingorda. In realtà, il suo obiettivo è quello di formarci e indurci a capire.

Vanessa Lemen - Melt Back in the Wave, oil on board
Vanessa Lemen - Melt Back in the Wave, oil on board

 

E' proprio questo il senso dell'amore. in tutto ciò che fluendo svanisce, ci ricorda della nostra esistenza. Chi siamo e il nostro valore. Il significato che portiamo qui su questa terra attraverso il corpo che ci ricopre. Quando amiamo, siamo in noi come non lo saremmo mai, nonostante l'euforia. Ma è proprio questo l'euforia d'amore. Ci fa scoprire attimo dopo attimo significati prima invisibili e sepolti da strati di chiacchiere e di cose inutili.

WHERE ARE YOU GOING I - Oil painting by Monika Luniak
WHERE ARE YOU GOING I - Oil painting by Monika Luniak

 

Ogni giorno è una scoperta. La vita ci invita a perlustrare. A salpare per nuovi lidi che non ci chiedono necessariamente di andare lontano. Tutto ciò che serve e di cui abbiamo bisogno è intorno a noi. Intorno significa tante cose. Strati su strati, veli sopra veli, tende e tappeti. Ogni giorno il miracolo è in ciò che si compie a portata di mano e che noi non cogliamo perché viziati da una visione sofisticata della vita. 

Marta Orlowska - Woman catching butterflies
Marta Orlowska - Woman catching butterflies

 

Prima si soffre e poi s'impara. La sofferenza è legata allo scontro con la realtà dei nostri desideri che vanno in caduta libera. Questo è quanto tutti riteniamo accada, sorvolando sul fatto che anche la luce ha la sua gabbia.

La magia dello specchio
La magia dello specchio

 

E' falso il mondo dell'apparire, eppure è qui che c'incontriamo e ritroviamo. La giustizia allora non è forse obbedienza a un mondo ordinato che a sua volta rispetta regole precise e prestabilite che sfuggono alla nostra comprensione razionale? La Bellezza guarisce e questo è il suo compito nel mondo. Guarire significa elevarsi dal pattume creato e determinato dall'uomo. 

Silvia Melcarne - La lunga attesa di biancaneve
Silvia Melcarne - La lunga attesa di biancaneve

 

Aspettiamo chi è già dentro di noi e ci porta a seguirlo e a coglierlo nei legami che percorrono il mondo. È l'apice l'amato, il sovrano di tutto e tutto sembra da lui discendere. È Dio che trova il suo luogo nel mondo e noi gli spalanchiamo la porta di casa.

Angelo Morbelli 1853-1919, Spring in Colma - 1906
Angelo Morbelli 1853-1919, Spring in Colma - 1906

 

Le certezze si fanno intime e sorridenti nel sole. Siamo spose al pensiero che qualcuno sorrida al mattino che si risveglia, e tra le lenzuola depositi i turbamenti notturni. L'amore è il siero dell'energia che ci spinge in avanti prostrati e doloranti, ma pieni di contentezza che è anche serenità infusa da chi culliamo nel cuore.

Nella danza del fuoco
Nella danza del fuoco

 

Il sorriso e il volto disteso o stranito accalorano. Contagiano le labbra che si appianano sul volto contratto degli altri, facendo emergere il sole dentro gli occhi. La scena si risveglia e si solleva il sipario, mostrando oltre la parete in fondo, altri orizzonti che nella cecità distratta o compressa non spiccano. 

Foto della montagna di Manu Guarneri
Foto della montagna di Manu Guarneri

 

Siamo soliti associare la nebbia all'amorfo scialbore che è tenebra e contrario della luce. La nebbia è invocazione soffusa, muto sentire che abita un'altra dimensione della luce ed è in essa presente. La luce è nebbia. Pulviscolo che confonde a seguito dell'abbaglio feroce.