Risveglio
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Risveglio

Risveglio

Impronte di Poesia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

A questa poesia sono particolarmente legata perché  fa da ponte tra i miei affetti d'infanzia e le nuove attese a cui la vita andava preparandomi. Esprime il bisogno di raccontare e rendere partecipe delle mie nuove esperienze chi mi aveva fatto da guida nei miei primi passi di vita e che per nulla al mondo avrei messo da parte.

Stampe antiche - Donna sull'altalena
Stampe antiche - Donna sull'altalena

 

Risveglio

Perché te ne vai,
adesso?
Vorrei fermarti e raccontarti
come ho goduto
quando,
sull'altalena del prato,
ho corso e volato a perdifiato,
fino a toccare il cielo,
fino a scontrami col chiarore del tempo, e
pensarti un po' dovunque,
ma non in città dove
tutto è falso e i grattacieli
si ergono da giganti.
Qui, ora
nel ricordo,
tutto scompare e
la porta è chiusa, adesso,
guarda, è chiusa! Ed io
sto dentro,
qui a parlare,
se ci riesco,
a raccontare e
a farti immaginare
di essere stata qui,
sempre accanto a me.
E volare e volare e
restare chiuse in casa, 
tappate nella stanza,
per il tempo che ulula
dietro le imposte e le pareti e
incendia e
ha la potenza di farti del male,
ardendo all'istante
i tuoi brillanti occhi, mentre
tu stai pregando
che presto finisca
il temporale ed
io ti sto a guardare
proprio come fai tu,
con quei tuoi grandi occhi,
per sbirciare
tra le nubi
il segnale che ti dica:
"Presto ritornerà la calma!".
Ma è bello cosi,
e la natura si riversa
bollente su di te e tu
sui tuoi occhi che
guardano e stanno a guardare
il temporale e
ascoltano
come fai tu, adesso e...
Se fosse vero
solo ricordarti e farti provare!
Ma non riesco a trattenerti e
la porta è chiusa
ed è rimasta tale
per tutto questo tempo che
mi è servito per immaginare
e immaginare una storia,
per sentirti,
qui con me.

Ippolita Sicoli

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.