Sul sentiero dell'inverno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Sul sentiero dell'inverno

Sul sentiero dell'inverno

Impronte di Poesia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Un tempo eravamo soli nella folla e soli nella gioia. Alla solitudine esistenziale oggi si aggiunge, in questo momento storico senza nome, la solitudine indotta che ci blocca sulla soglia di una lucida comprensione.
Un tempo non eravamo soli, eppure così ci sentivamo. Oggi lo siamo, ognuno partecipe dell'umana sorte che affama la paura invisibile che però porta la morte.

Caspar David Friedrich - Paesaggio invernale con chiesa
Caspar David Friedrich - Paesaggio invernale con chiesa

 

Sul sentiero dell'inverno

Dimmi chi sei tu?
E io chi sono?
Sul sentiero d"inverno si perdono
le luci e i tratti freddi
di un tormentoso silenzio,
agonia di passi.
Ghirigori gelidi compaiono
come arabeschi di brina
nei cui cristalli gioca
la luce marmorea
del cielo bigio.
Affranti siamo
mentre la stanchezza arranca.
Tra collinette di neve
avanziamo senza stivali
coi piedi
che affondano nel manto bianco.

Non siamo soli, parte
ciascuno di un'unica sorte.

Eppure, nel languido silenzio,
avanziamo ciascuno
lontano dal brusio delle Feste
che un tempo,
oltre la cerniera dei ricordi,
spezzava il languore
del gelido inverno.
Al fianco di compagni invisibili procediamo
tutti soli verso un sole scialbo
che troneggia nel cielo senza sfondo,
in un azzurro senza mattino.

Un tempo si era soli
nell'ingordigia del benessere.
Ora lo siamo come anime fragili,
ali appese a un ramo
in balia della paura e della sordida morte
che ci fa chiudere ciascuno
nella propria stanza
colma di oggetti vecchi,
giocattoli rotti dai bimbi che siamo
e che un tempo eravamo.

Un lampo e lo sguardo inciampa
sulle righe di un libro sfogliato un tempo di gran fretta
e che ora nello scorrere lento
rimbalza
in cerca di comprensione,
di un brivido...
di calda emozione

Ippolita Sicoli

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.