Terre vergini
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Terre vergini

Impronte di Poesia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Claude Monet (1840-1926), Les Oies dans le ruisseau, 1874
Claude Monet (1840-1926), Les Oies dans le ruisseau, 1874

 

La pandemia e quanto ne deriva ci stanno portando a selezionare e a salvarci tra le braccia di chi non conosciamo. A scompaginare le vie dei ricordi dove ritrovare noi stessi su sentieri battuti, falciando tutto il resto e quel contorno tanto famigliare e divenuto d'un tratto un fardello da non voler più sopportare.

Passeggiando per i sentieri vergini che ci rimandano a un abisso perduto, ritroviamo esempi di vita sociale ancora integri e famiglie di animali tra i più semplici che ci riconducono a nuclei esistenziali ormai estinti.

La pandemia ci sta portando a tracciare nuove strade e ad amarci per chi siamo, corpi celesti alla deriva di costellazioni, che sono tutto in un mare di niente. Ci salvano i ricordi, salvandoli salviamo noi stessi dalla decadenza di un tempo che vuole le foglie caduche finite chissà dove, e piega i cuori, affinché nessuno di essi batta con una musica tutta propria. In questa scomposizione deforme, proviamo a raccogliere e a conservare chi siamo, lontani dalle pressioni che subiamo, che riceviamo. Ciò affinché la vita un giorno possa tornare a visitarci. A germogliare, a crescere.

 

Terre vergini

Viaggiando per le radici
dove gli altri non vanno,
dove il silenzio ha una musica
e lo stormire di frasche nell'acqua.
È associazione di idee camminare per le radici,
lungo sentieri vergini
perché da pochi percorsi
e da coloro che non hanno sepolto il cuore.

È tempo di conserve,
mi suggerisce la terra che calpesto
con i suoi formicolii di ciò
che va nascendo
e di ciò che mi sta abbandonando.
È questo che ci rende vergini
e rende vergini i luoghi
dove non più andiamo.
È tempo di conserve e di abbellire le credenze
di frutti maturi che cadono in fretta.
Della ruggine della vita
che tanto ci dà pensiero
su un percorso dimenticato,
o solo appena solcato.

Ippolita Sicoli

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.