Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

 

13
Gio, Dic
Annunci AdSense
home-1-ads-nut-tda-002

Abbiamo 75 visitatori online

Annunci AdSense
article-top-ads-nut-art-001

Mantenersi attivi per evitare la sarcopenia

Mantenersi attivi per evitare la sarcopenia

Articoli Nutrizione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Se abbiamo dai 50 ai 60 anni, se siamo obesi oppure se l’attività fisica che svolgiamo è veramente scarsa, potrebbero comparire i primi sintomi della sarcopenia, una condizione fisiopatologica che interessa i muscoli e che causa perdita di forza, minore velocità ed equilibrio nel passo. Leggete l’articolo per saperne di più.

Mantenersi attivi per evitare la sarcopenia
Mantenersi attivi per evitare la sarcopenia

 

Sarcopenia: che cos’è

La parola sarcopenia deriva dal greco “sàrx”, muscolo, e “penìa”, mancanza, ed indica appunto la condizione in cui il nostro apparato muscolare tende a ridursi in modo fisiologico con il passare degli anni. Questa condizione viene valutata secondo i criteri internazionali che prevedono minore massa muscolare, minore forza, minore velocità ed equilibrio nel passo e colpisce maggiormente le donne che, nella decade scritta prima entrano nel periodo della menopausa, che sconvolge i ritmi biologici della donna, predisponendola al rischio di osteoporosi. L’errore che spesso si compie, infatti, è valutare soltanto la densità ossea, trascurando chi circonda e protegge l’apparato scheletrico, ovvero il muscolo; infatti, maggiore sarà il grado di sarcopenia, maggiore sarà l’osteoporosi e più alto sarà il rischio di cadute e di fratture ossee.

Come ho scritto prima, la sarcopenia è sia fisiologica, perché la perdita di massa muscolare avviene naturalmente nel corso degli anni, sia patologica, causata da malattie. Nel primo caso si rischierà di soffrire di sarcopenia se il nostro fisico ha una massa muscolare ridotta, se non pratica alcuna attività fisica, se si hanno deficit nutrizionali e si segue una dieta troppo povera di proteine, oppure in caso di degenze prolungate a letto e malassorbimento intestinale.

Anche i disordini ormonali, il diabete e le patologie neurodegenerative possono causare sarcopenia, ma, soprattutto, la patologia spesso coinvolta è l’obesità. Un eccesso di massa grassa è in grado di generare perdita muscolare, atrofia e riduzione della forza muscolare, a causa dell’infiammazione che caratterizza i pazienti obesi ed aumenta il catabolismo delle proteine: più siamo infiammati, più aumenta la sarcopenia.

Come rimediare

La sarcopenia si può prevenire tramite un’alimentazione adeguata ed una costante attività fisica. Muoversi ogni giorno, almeno 60 minuti al giorno, anche facendo delle lunghe passeggiate a passo svelto facilita la rigenerazione del muscolo, contrastandone la perdita. Infatti, quando il muscolo si contrae libera sia aceticolina che fattori di crescita per il muscolo che stimolano la sintesi di proteine contrattili che aumentano massa e forza muscolare. Per le passeggiate è consigliabile utilizzare le racchette da “nordic walking” in modo da consentire una maggiore stimolazione di tono, rendere migliore la postura e distribuire meglio il carico su colonna e articolazioni degli arti inferiori.

L’alimentazione è l’altro punto fondamentale da curare; è importanza fare dei pasti equilibrati con carboidrati integrali, proteine e fibre, a partire dalla colazione. Come detto prima, chi segue una dieta scarsa in proteine è il soggetto maggiormente predisposto alla sarcopenia, per cui bisognerà considerare almeno 1g-1.2g di proteine per kg di peso corporeo al giorno, come fabbisogno proteico, da distribuire nell’arco della giornata.

Le proteine dovranno essere di buona qualità e serviranno nella sintesi proteica, una volta che le proteine saranno digerite e trasformate in amminoacidi; la leucina, in particolare, è l’amminoacido essenziale più in grado di stimolare la sintesi proteica. Oltre alle proteine, si dovrà difendere l’organismo dallo stress ossidativo generato da radicali liberi tramite l’assunzione di cibi ricchi di vitamine e Sali minerali, inoltre, indispensabile è debellare l’infiammazione da cibo, sottoponendoci al test Recaller, per evidenziare i cibi che ci infiammano e che dovranno essere ruotati nella nostra dieta.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Francesco Garritano
Author: Francesco GarritanoWebsite: http://ilcentrotirreno.it/nutrizione/
Responsabile Scientifico del Supplemento NUTRIZIONE del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Biologo Nutrizionista e Professionista GIFT. Studio, Passione ed Esperienza per il benessere fisico-psichico dei miei pazienti! Nel 2003 conseguo la mia prima laurea in Chimica e tecnologia farmaceutiche, voto 110 su 110 e lode, con tesi di laurea in Biochimica Applicata che diventa pertanto la prima importante esperienza in campo farmaceutico. Nel 2007 ritorno “sui libri” per conseguire nel 2009 la seconda laurea in Scienze della Nutrizione con voto 110 su 110 e lode. Il passo seguente è l’abilitazione per avviarmi da subito alla professione di biologo nutrizionista. L’inizio di questa nuova avventura coincide con la seconda professione di docente e relatore in vari convegni su tutto il territorio nazionale, in quanto responsabile scientifico della NutriForm, società di formazione ed eventi.

Annunci AdSense
article-botton-ads-nut-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-nut-cca-001