Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

 

21
Mer, Nov
home-1-ads-nut-tda-006

Abbiamo 122 visitatori online

Annunci AdSense
article-top-ads-nut-art-002

Fibromialgia: cosa c'entra l'alimentazione?

Fibromialgia: cosa c’entra l’alimentazione?

Articoli Nutrizione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La Fibromialgia è una condizione infiammatoria che coinvolge i muscoli, le articolazioni e il sistema nervoso

Quest’infiammazione interferisce anche sul metabolismo e sul sistema ormonale dell’organismo.Si tratta di una vera e propria situazione patologica difficile da diagnosticare, in quanto non esistono test o indagini specifiche in grado di individuarla; tuttavia, è stata vista una correlazione con l’infiammazione da cibo, ossia con le cosiddette intolleranze alimentari: i valori dei parametri che indicano infiammazione da cibo, infatti, risultano elevati anche nei casi di fibromialgia.

 

Fibromialgia: cosa c'entra l'alimentazione?
Fibromialgia: cosa c'entra l'alimentazione?

 

Chi soffre di fibromialgia, in genere, riporta i sintomi classici di questa patologia che sono stanchezza, dolore, disturbi del sonno e alterazioni dell’umore, ma ci possono essere anche altri sintomi, riconducibili sempre allo stato infiammatorio, come ad esempio crampi, fascicolazioni o addirittura sindrome del colon irritabile.

A causa di questo ampio ventaglio di sintomi, la fibromialgia toglie, gradualmente, alla persona che ne soffre, la voglia di fare, la voglia di vivere, l’energia fisica e mentale, condannandola ad un continuo senso di stanchezza.

Le cause possono essere dovute alla carenza di dopamina, molecola che agisce a livello centrale, rendendoci attivi o allo stress, o proprio ad un’intolleranza alimentare.

La fibromialgia, in caso ci fosse un’intolleranza alimentare, va trattata mediante una dieta adeguata che tenga conto degli alimenti che inducono una risposta infiammatoria, elaborando, magari un piano alimentare basato sulla rotazione settimanale di questi alimenti, partendo da un vero e proprio “svezzamento” e reintroducendoli gradualmente nel tempo. La stessa alimentazione magari andrebbe accompagnata da una giusta integrazione, a base di curcuma o di altri antiossidanti.

In ogni caso di fibromialgia, comunque, bisogna dare sempre importanza all’alimentazione: vanno ridotti i prodotti lievitati o fermentati che di solito sono quelli più coinvolti nelle infiammazioni. Ridurre lo zucchero per controllare la sensibilità insulinica è un’altra priorità, cosi come bilanciare sempre carboidrati e proteine ai pasti per mantenere una buona massa muscolare.

La colazione deve essere varia ed abbondante per mantenere un equilibrio metabolico in modo da meglio utilizzar l’energia, riducendo la stanchezza. Dare sempre la giusta importanza anche all’attività fisica per ripristinare l’attivazione metabolica, magari al mattino, in modo da essere più attivi durante tutta la giornata. 

Un problema intestinale, o meglio che parte dall’intestino, come quello che possono essere la intolleranze alimentari possono rispecchiarsi in tutto il resto del corpo, per questo motivo una buona alimentazione, un corretto stile di vita e un ripristino di tali infiammazioni da cibo, indicano che la relazione tra intestino e il resto del corpo e della mente è veramente forte.

In conclusione: mai fare di problemi quali la fibromialgia, dei casi a sé stanti, perché la causa e la stessa soluzione potrebbero essere proprio sotto il nostro muso, eh già proprio nel nostro piatto!  

 

Francesco-Garritano
   Francesco-Garritano

 

NUTRIZIONE "il Centro Tirreno.it"

Direttore Scientifico dott. Francesco Garritano, biologo nutrizionista

info tel. 347-2481194 - email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

https://www.facebook.com/francesco.garritano.71

 


 

 CONSIGLI PER LA SALUTE:

(Inquinamento, stress, abitudini alimentari sbagliate e vita sregolata si accumulano nel nostro corpo sotto forma di tossine e parassiti che si traducono in una lunga serie di disturbi fisici, dei quali diventa poi difficile rintracciare le cause. Quando fegato, intestino, polmoni, sangue, stomaco vengono "ripuliti", la vita diventa facile, leggera; l'organismo può funzionare al massimo delle sue potenzialità. Necessitiamo quindi, di una “calamita” naturale che espelli via tutto ciò.)

zeolite med 200
                           zeolite med 200

 

Per chi fosse interessato alla ZEOLITE QUESTO E' IL LINK

 

 

           Dieta GIFT - Attilio e Luca Speciani
           Dieta GIFT - A. e L. Speciani

 

Descrizione di Guida pratica alla DietaGIFT La chiave dell'ingrassamento/dimagrimento sta in un metabolismo efficiente e nella corretta regolazione della neurochimica cerebrale. Il tipo di alimentazione proposto nel libro non serve solo per dimagrire ma anche per restare in salute ed è pensato anche, con gli opportuni accorgimenti, per coloro che a causa di patologie come il diabete, l'osteoporosi, una cardiopatia o altri disturbi, devono seguire un regime alimentare che migliori anche il metabolismo. Il testo spiega alcune regole pratiche di immediata applicabilità, che consentono a chi legge di agire subito e correttamente. 

Per chi fosse interessato al libro Dieta GIFT QUESTO E' IL LINK

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Francesco Garritano
Author: Francesco GarritanoWebsite: http://ilcentrotirreno.it/nutrizione/
Responsabile Scientifico del Supplemento NUTRIZIONE del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Biologo Nutrizionista e Professionista GIFT. Studio, Passione ed Esperienza per il benessere fisico-psichico dei miei pazienti! Nel 2003 conseguo la mia prima laurea in Chimica e tecnologia farmaceutiche, voto 110 su 110 e lode, con tesi di laurea in Biochimica Applicata che diventa pertanto la prima importante esperienza in campo farmaceutico. Nel 2007 ritorno “sui libri” per conseguire nel 2009 la seconda laurea in Scienze della Nutrizione con voto 110 su 110 e lode. Il passo seguente è l’abilitazione per avviarmi da subito alla professione di biologo nutrizionista. L’inizio di questa nuova avventura coincide con la seconda professione di docente e relatore in vari convegni su tutto il territorio nazionale, in quanto responsabile scientifico della NutriForm, società di formazione ed eventi.

Annunci AdSense
article-bototton-ads-nut-art-001

Seguici anche su Facebook

Annunci AdSense
sidebar-ads-nut-tda-010
Annunci AdSense
sidebar-ads-nut-tda-011
Nutrizione - Salute e Benessere
Notizie su nutrizione e alimentazione
Annunci AdSense
sidebar-ads-nut-tda-010
Annunci AdSense
sidebar-ads-nut-tda-011
Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-nut-cca-001