Coronavirus, Pechino 'bacchetta' ancora gli Usa - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
21
Gio, Ott

Coronavirus, Pechino 'bacchetta' ancora gli Usa

Coronavirus, Pechino 'bacchetta' ancora gli Usa

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Il "virus cinese" di Donald Trump e il "virus di Wuhan" di Mike Pompeo continuano a suscitare le ire di Pechino, che torna a invitare gli Stati Uniti a "occuparsi delle questioni interne" e a "contribuire in modo utile" alla battaglia globale contro la pandemia di coronavirus.

Coronavirus, Pechino 'bacchetta' ancora gli Usa
Coronavirus, Pechino 'bacchetta' ancora gli Usa

 

"Non è tempo di scambi di accuse tra i Paesi con definizioni come 'virus cinese' - ha tuonato il portavoce del ministero degli Esteri di Pechino, Geng Shuang, nel briefing con i giornalisti a Pechino - Ora è il momento della solidarietà, della lotta comune".  

"Il nuovo coronavirus colpisce tutti e serve un impegno comune, invece di alimentare la paura con un atteggiamento xenofobo - ha incalzato il portavoce della diplomazia cinese -. Voglio sottolineare che sono stati gli Usa ad aprire questa questione". 

"Molte volte la Cina ha sottolineato come alcuni negli Stati Uniti abbiano cercato in ogni modo di collegare il nuovo coronavirus con la Cina - ha concluso Geng -. I cinesi sono molto indignati e si oppongono fermamente a questo approccio". 

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002