Trump lancia piano per riapertura: "Ma decideranno governatori" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
17
Dom, Ott

Trump lancia piano per riapertura: "Ma decideranno governatori"

Trump lancia piano per riapertura: "Ma decideranno governatori"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Un piano in tre fasi per far ripartire la macchina dell'economia statunitense, fermata dall'emergenza sanitaria legata al coronavirus.

Trump lancia piano per riapertura:
Trump lancia piano per riapertura: "Ma decideranno governatori"

 

Lo ha annunciato il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, nel corso di una conferenza stampa. E' il momento di "riaprire di nuovo l'America", ha detto Trump rendendo noto un documento di 18 pagine in cui sono contenute le linee guida che gli Stati dovranno seguire per riportare le persone al lavoro, riaprire le scuole e le attività commerciali. 

Trump ha spiegato che la decisione di riaprire spetterà ai singoli governatori sulla base dei dati a disposizione e che 29 Stati sono già pronti per lasciarsi alle spalle il lockdown. "Possiamo passare al prossimo fronte della nostra guerra che chiameremo 'aprire di nuovo l'America', ha sottolineato Trump, ribadendo che il picco di contagi è stato superato. 

"I nostri esperti ci dicono che la curva si è appiattita e che il picco è dietro di noi", ha proseguito il presidente spiegando che gli Usa "devono avere un'economia che funziona e vogliono farla riprendere molto velocemente". "Uno shutdown nazionale non è sostenibile a lungo termine", ha concluso. 

Secondo il piano della Casa Bianca, gli Stati inizieranno la fase uno dopo aver soddisfatto alcuni criteri fondamentali tra cui il declino delle infezioni per 14 giorni. Nella prima fase, scuole e bar rimarrebbero chiusi. Ma luoghi di culto, ristoranti, cinema, palestre e complessi sportivi potrebbero riaprire con un rigoroso distanziamento tra i presenti. Nella fase due potrebbero riaprire le scuole e potrebbero riprendere i viaggi non essenziali, ma la maggior parte dei dipendenti sarebbe incoraggiata a continuare il telelavoro. La terza fase raccomanda "l'assunzione illimitata di personale nei luoghi di lavoro" e un ritorno alla normalità.

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002