Sardegna zona bianca, Solinas proroga le misure - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
28
Dom, Nov

Sardegna zona bianca, Solinas proroga le misure

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

La Sardegna in zona bianca proroga le sue misure 'più favorevoli': un'ordinanza del governatore Christian Solinas ha confermato l'apertura dei ristoranti fino alle 23 e di bar e pub fino alle 21, così come il coprifuoco dalle 23.30 fino alle 5 del mattino.  

"In relazione all’andamento degli indicatori epidemiologici valutati a seguito di tali riaperture, con successive specifiche ordinanze – d’intesa con il tavolo tecnico istituzionale composto dai rappresentanti del Ministero della Salute, dell’Istituto Superiore della Sanità e della Regione Sardegna – potranno essere riaperte, con le necessarie prescrizioni, le seguenti attività: - Palestre, scuole di danza (senza contatto), piscine; - Centri commerciali nelle giornate di sabato e domenica; - Musei e luoghi della cultura nelle giornate di sabato e domenica", si legge nel provvedimento, valido in tutta la regione, fatti salvi i Comuni sottoposti dai sindaci a misure più restrittive. 

Arriva però anche il secondo Comune sardo in 'rosso' dopo La Maddalena, dove le misure più restrittive sono attive fino al 20 marzo. A Sindia, in provincia di Nuoro, il sindaco Luigi Demetrio Daga ha disposto con ordinanza la zona rossa a partire dalle 7 di domani, martedì 16, fino al 30 marzo. L'ordinanza prevede che siano chiuse le scuole, anche materne, e tutti i pubblici esercizi, salvaguardando la possibilità della consegna a domicilio per bar, pizzerie, ristoranti e agriturismi. Possono restare aperti tabaccai, giornalai, farmacia e negozi di generi alimentari, mentre sono chiusi i servizi alla persona. Vietato ogni spostamento da e per il comune, "salvo che per comprovate e motivate esigenze lavorative, ivi comprese le attività di studio, situazioni di necessità ovvero per motivi di salute".  

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002