Sanremo 2021, polemiche su Palombelli ma Amadeus frena: "Felice di averla" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
21
Lun, Giu

Sanremo 2021, polemiche su Palombelli ma Amadeus frena: "Felice di averla"

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Si accende la polemica sulla scelta di far calcare a Barbara Palombelli il palcoscenico del Teatro Ariston durante la serata del venerdì del Festival di Sanremo, al fianco del direttore artistico e conduttore Amadeus.

I primi a protestare sono stati i giornalisti Rai, attraverso Vittorio Di Trapani, segretario dell'Usigrai: "Barbara Palombelli conduttrice di Sanremo per una sera. Ennesimo atto di disprezzo nei confronti delle giornaliste della Rai. Un programma Mediaset ogni sera attacca la Rai e i suoi dipendenti, e la Rai che fa? Chiede a una giornalista Mediaset di condurre il Festival", ha scritto su Twitter. 

"Tra le professioniste dell'informazione del Servizio Pubblico, quest'anno, non ne abbiamo trovate altre ugualmente meritevoli. A questo punto mi aspetto la premiazione dei Telegatti su Rai1. Ovviamente in appalto totale", ha twittato il consigliere d'amministrazione Rai eletto dai dipendenti, Riccardo Laganà. In sintonia con la collega consigliera d'amministrazione Rita Borioni, che su Facebook ha scritto: "Botteri, Sciarelli, Bortone, Giandotti non andavano bene? Evidentemente le giornaliste Rai non sono all'altezza secondo i vertici della Rai". Scelta condannata anche da Massimiliano Capitanio, deputato Lega e Segretario della Vigilanza Rai, secondo cui "far calcare il palco di Sanremo a Barbara Palombelli è l'ennesima dimostrazione dell'incapacità della Rai nel valorizzare le risorse interne, oltre ad essere un cedimento alla logica degli agenti. Mercoledì sera in Vigilanza l'amministratore delegato Salini saprà spiegarci la ratio di questa scelta", ha detto riferendosi all'audizione dell'ad Rai fissata per il 24 febbraio.  

In verità, da Paolo Bonolis a Maria De Filippi, a Maurizio Crozza, il coinvolgimento, anche in ruoli ben più impegnativi della coconduzione di una serata, di personaggi televisivi anche in forze ad altri gruppi televisivi sono quasi una tradizione del festival, considerato il più grande evento tv dell'anno e quasi 'extraterritoriale' rispetto alle dinamiche di concorrenza del resto dell'anno: gli altri gruppi tv, tranne rarissime eccezioni, di fatto 'abdicano' durante la settimana del festival, arrendendosi alla supremazia dell'evento e in parte cercando di cavalcarlo, con programmi dedicati o, appunto, con la concessione, in deroga alle esclusive, di volti di punta.  

Così, mentre la diretta interessata scriveva su Facebook che "sarà una emozione pazzesca, incredibile" e che, quest'anno, "sarà ancora più importante mostrare un Paese unito che saprà ritrovare nella musica, come ha sempre saputo fare nella sua storia, una grande energia per rinascere", Amadeus, che lo scorso anno aveva voluto sul palco due dei volti più noti del Tg1, ha rivendicato la scelta della giornalista Mediaset: "Sono felice di avere con me sul palco dell'Ariston Barbara Palombelli per la quarta serata del Festival di Sanremo 2021. Nel mosaico femminile non poteva mancare una donna dal lungo curriculum. È per me una collega, la conduttrice più presente sul piccolo schermo, oltre ad essere una brava giornalista", ha detto il conduttore e direttore artistico del Festival di Sanremo.  

"Lo scorso anno - ha sottolineato Amadeus - abbiamo puntato sull'unione di mondi differenti, ha funzionato e speriamo di replicare anche quest'anno stupendo il pubblico con Barbara e con tutte le altre donne che saranno con me al Festival. E chissà, magari c'è ancora tempo per qualche sorpresa", ha concluso. 

(di Antonella Nesi)