Sanremo 2021, Ibra 'il direttore' debutta all'Ariston - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
04
Mer, Ago

Sanremo 2021, Ibra 'il direttore' debutta all'Ariston

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

 

"Normalmente mi sento grande e potente, ma qui mi sento piccolo. Ma sempre più grande e potente di te". Zlatan Ibrahimovic esordisce sul palco dell'Ariston di Sanremo 2021, nelle vesti del vero 'direttore artistico' del festival, ed è subito gag con il direttore artistico Amadeus.

L'attaccante del Milan inscena infatti un siparietto con il conduttore, basato sulla sua immodestia e sulla nota prestanza fisica. "Ho portato le regole del mio festival -dice Ibra ad Amadeus- Perché il direttore è Zlatan".  

Il campione mette subito in chiaro le sue regole: "Regole di Zlatan, il festival sarà di 22 cantanti, 11 contro 11 sennò non è regolare -scherza". E quando Amadeus gli fa notare che i cantanti sono 26, risponde senza esitare: "Vendili, il Liverpool sta cercando dei difensori". C'è poi la "regola numero due: il palco è fatto per persone piccole come te -dice Ibra ad Amadeus- a me serve che sia 105 per 68 come San Siro, se no il festival è annullato". E per liberare un po' di spazio, c'è un'unica soluzione: "Via i violini, ma le ragazze restano", chiosa Ibrahimovic.