Alessandro Preziosi: ''Nessuno ce l'ha con il cinema, politica non è nemico da combattere'' - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
21
Gio, Ott

Alessandro Preziosi: ''Nessuno ce l'ha con il cinema, politica non è nemico da combattere''

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

I cinema non riapriranno? ''Non c'è nessun nemico da combattere, nessuno ce l'ha con la cultura, con i cinema e con i teatri e non credo nella inefficienza della politica. Bisogna tener duro e non dare un esempio di polemica, di forza e di contrasto''.

E' quanto sottolinea all'Adnkronos Alessandro Preziosi. "Bisogna comprendere -aggiunge l'attore- aspettiamo che arrivino i 52 milioni di vaccini che hanno annunciato. Che sia il 27 marzo o il 27 maggio l'importante è che quando si riaprono i cinema e i teatri venga fatto tutto con chiarezza e sicurezza. Non conosco Draghi né Conte -tiene a precisare- mi fido del lavoro del ministero della Cultura e di Dario Franceschini, un ministro scrupoloso. La riapertura dei cinema e dei teatri è legata a quella dei ristoranti, dei negozi e delle Spa -continua Preziosi- hanno aperto le chiese perché sono state riaperte in un orario diurno, stessa cosa i ristoranti che sono stato aperti solo in una determinata fascia oraria. Il problema delle riaperture è legata a un lasso temporale. Credo che ci sia un criterio, nessuno ce l'ha con il cinema, inutile creare polemiche -ribadisce- le scelte (sulle riaperture, ndr) sono state fatte in base a tutta una serie di parametri''.  

"Mi rendo conto che bisogna limitare il più possibile i motivi di aggregazione e sono fiero di far parte di un settore che attira tanta gente -prosegue Preziosi- credo che la cultura vada totalmente rifondata e questa è una buona occasione. Io lo sto facendo attraverso politiche sociali, scolastiche e universitarie che permettano ai giovani di avvicinarsi al cinema e al teatro e di riempire i cinema e i teatri di gente per far guadagnare la cultura''. 

(di Alisa Toaff)