Giornata mondiale teatro, Giannini: "Un disastro, niente festa" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
14
Ven, Mag

Giornata mondiale teatro, Giannini: "Un disastro, niente festa"

Arte e Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Giornata mondiale del teatro? E cosa c'è da festeggiare? E' un disastro. Viva il teatro, sì, ma il teatro è chiuso, a noi non pensano mai e ci sono tante persone che non lavorano da un anno". Lo afferma all'Adnkronos l'attore Giancarlo Giannini che, nella giornata mondiale che celebra il teatro, fa un'analisi spietata e lucida della situazione ad un anno dall'esplosione della pandemia. 

"Io ho finito da poco un film, dovevo farlo in 15 giorni e l'ho finito dopo tre mesi a causa del virus", spiega Giannini, protagonista in questi giorni su Rai1 nel cast del kolossal 'Leonardo' dove ha interpretato Andrea Del Verrocchio, il maestro di Leonardo. "Tenere aperti i teatri sarebbe possibile, facendolo in sicurezza -spiega l'attore, impegnato in teatro per decenni- perché il miglior vaccino è mantenere le distanze e questo si può fare. Ma certo, se poi diminuisci troppo le presenze a un cinema o a un teatro non riescono nemmeno a pagare le spese". 

Giannini, che non sottovaluta affatto la pericolosità del virus - "E' una brutta bestia, attraversarlo non è divertente e bisogna stare molto attenti a non prenderselo e adottare ogni misura necessaria" spiega - sottolinea anche, d'altro canto, la capacità degli italiani di sapersi comportare adeguatamente: "Gli italiani, durante lo scorso lockdown, si sono comportati benissimo, perché noi siamo così, siamo bravissimi", osserva. 

Poi, "hanno cominciato dal governo a dare messaggi confusi, aprire sì, aprire no, il caffè sì, la cena no, e ad un certo punto uno non ci crede più. Ai giovani avevano detto che non lo prendevano, e invece non era così... una serie di messaggi spesso sbagliati che ci hanno confuso". 

Invece "se tenessero aperto, come fanno in molti paesi del nord, e dicessero che si può andare ovunque ma tenendo le distanze e adottando le misure di sicurezza, noi saremmo bravissimi, i più bravi di tutti", afferma Giannini. 

"Qui però ci dicono una cosa un giorno e un giorno un'altra, e se è vero che gli italiani non hanno mai fatto la rivoluzione, tra un po' scoppierà il caos. Perché pecore sì...ma fino a un certo punto", conclude l'attore. 

(di Ilaria Floris)