Gianni Morandi ustionato: "Bruciature sul 15% del corpo" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Dom, Lug

Gianni Morandi ustionato: "Bruciature sul 15% del corpo"

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Gianni Morandi torna a parlare dall'ospedale in un'intervista a Qn dopo l'incidente dell'11 marzo scorso, quando il cantante ha perso l'equilibrio ed è caduto tra le fiamme mentre stava bruciando delle sterpaglie in giardino. "Mi rendo conto del rischio che ho corso e di quanto sono stato fortunato. Prima di tutto - dice -, ho salvato la vita. Perché quando tu cadi dentro a una buca così, mentre spingi dentro un tronco che pensi faccia resistenza, e ti trovi in mezzo alle braci, con le fiamme intorno, è una cosa tremenda".  

"Credo che ci sia qualcuno che mi ha guardato dal cielo, ne sono convinto", dice Morandi, che spiega: "Poi, oh, arrivare qui, dove ci sono otto terapie intensive, con otto ustioni". "Ho avuto gravi bruciature a tutte e due le mani, alle ginocchia, un po' al gluteo, poi una bruciatura nella schiena e nell'orecchio. Credo, più o meno, sul 15%", spiega ancora. 

"In quei momenti ho pensato solo a salvarmi. Lo spavento è cresciuto dopo, ripensandoci. Arrivi qui, dove sono bravissimi, dove c'è una squadra di persone fantastiche che ti aiuta, che è sempre pronta e tu ti accorgi che sei nelle loro mani - aggiunge -. Senza l'aiuto dei farmaci non si può resistere a questo dolore. Ogni due giorni mi facevano una medicazione. Ma la medicazione è una cosa molto dolorosa e ti devono addormentare. Capisci che non è facile per un fisico. Io ho anche la fortuna di avere uno spirito positivo, ottimista, e questo mi aiuta. Poi l'affetto della gente. Roba incredibile, messaggi da tutto il mondo, perfino dalla Russia, dall'America, mi hanno scritto i colleghi, tutti, mi hanno chiamato. Arriva di tutto: disegni, libri, cioccolatini, uova di Pasqua", racconta il cantante.