Tv, Mario Giordano: "Troupe 'Fuori dal Coro' aggredita con catene di ferro, siamo al far west" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Sab, Set

Tv, Mario Giordano: "Troupe 'Fuori dal Coro' aggredita con catene di ferro, siamo al far west"

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

"La cosa che più mi ha impressionato è stata la durata dell'aggressione, la sua violenza, nel pieno centro di Cuneo. Come può una persona così, con una catena di ferro con in cima un lucchetto, e con un'arma così potenzialmente pericolosa che sfascia un 'auto, picchia, non essere arrestata, mentre poi facciamo le multe ai bar o alle bocciofile? E' surreale, siamo al far west". Mario Giordano racconta così all'Adnkronos, ancora impressionato, l'aggressione alla troupe della sua trasmissione, 'Fuori dal Coro', avvenuta domenica a Cuneo nel corso di un servizio sulle case occupate abusivamente, e che ha procurato 20 giorni di prognosi alla giornalista, ferita insieme ad uno dei due operatori. 

"Da tempo -spiega il giornalista- stiamo cercando di raccontare il fenomeno, sempre più diffuso e impressionante, di queste persone che occupano abusivamente le case di legittimi proprietari. E come sempre facciamo, sentiamo la versione dei proprietari e cerchiamo di andare a sentire la versione delle persone che occupano, e che il più delle volte sono violente". Il giornalista aggiunge anche un'altra riflessione: "In altri casi, come nel caso di Treviso, o nel caso di Cagliari (località dove la sua trasmissione ha svolto altri servizi su occupanti abusivi, ndr) è capitato che la casa di una signora sia stata occupata da un esponente sospetto sotto processo perché accusato di far parte della mafia nigeriana. Io mi domando come sia possibile che lo Stato tolleri queste situazioni di illegalità palesi", affonda. 

"Se io rubo una macchina mi fanno scendere dalla macchina, e mi obbligano a restituirla al legittimo proprietario -sottolinea Giordano all'Adnkronos - Perché in questo caso non succede lo stesso all'occupante abusivo? E' vero che tutte le persone hanno diritto a un tetto, ma non a scapito di chi è proprietario privato. Deve essere lo Stato che garantisca, dato che noi paghiamo tutti le tasse, una casa a chi ne ha bisogno". Perché io devo far parte di uno Stato e pagare le tasse a uno Stato che poi non è in grado di garantire la sicurezza personale delle persone e dei beni privati? Lo Stato esiste per questo", si domanda in conclusione il giornalista.