Oscar 2021, Cina in 'silenzio' sulla vittoria di Chloe Zhao - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
27
Lun, Set

Oscar 2021, Cina in 'silenzio' sulla vittoria di Chloe Zhao

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

La stampa ufficiale cinese ha censurato la notizia dell'assegnazione dell'Oscar per la Miglior regia a Chloe Zhao. La cineasta, nata a Pechino ma con cittadinanza statunitense, ha fatto la storia con 'Nomadland' diventando la prima donna asiatica e la seconda donna in assoluto a vincere il premio. 

I principali media cinesi, come l'agenzia di stampa 'Xinhua' o l'emittente 'Cctv', non riportano la vittoria di Zhao. Anche i post sull'argomento pubblicati sui social media sono stati parzialmente cancellati. Un portavoce del ministero degli Esteri di Pechino ha evitato di commentare, sostenendo che "non è una questione diplomatica". 

A inizio marzo il giornale cinese 'Global Times' ancora elogiava Zhao definendola "l'orgoglio della Cina" per la sua vittoria ai Golden Globes. Successivamente, tuttavia, era stata diffusa su internet una vecchia intervista in cui la regista criticava il suo Paese d'origine definendolo "un luogo di bugie". Negli ultimi giorni ogni riferimento a 'Nomadland' in Cina era stato cancellato.