Open Fiber porta fibra a Schio e Thiene con investimento 8 mln - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Dom, Lug

Open Fiber porta fibra a Schio e Thiene con investimento 8 mln

Economia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

A Schio e Thiene (Vicenza) la connessione internet è sempre più veloce grazie alla rete Fiber To The Home (ftth) di Open Fiber.

La società guidata da Elisabetta Ripa ha infatti aperto la vendibilità dei servizi su fibra ottica per oltre 9mila unità immobiliari complessive, che da oggi possono usufruire di una connettività rapida e a prova di futuro. Open Fiber ha ultimato il cablaggio di oltre 7mila abitazioni di Schio e di circa 2mila unità abitative di Thiene, che possono così navigare sul web fino a 1 Gigabit per secondo. 

Il piano di Open Fiber per le due città prevede un investimento totale di 8 milioni di euro, di cui 5 milioni per cablare 14mila unità immobiliari di Schio, e 3 milioni di euro per raggiungere 9mila case e uffici di Thiene. L’obiettivo di Open Fiber, si legge in una nota, è realizzare una infrastruttura a banda ultra larga quanto più pervasiva ed efficiente possibile, che favorisca il recupero di competitività del “sistema Paese”, rendendo possibile l’utilizzo di tutti i servizi innovativi disponibili sulla rete, quali: l’Internet of Things, la telemedicina, lo smart working, la didattica a distanza e i servizi della Pubblica Amministrazione. 

“Il piano di sviluppo dell’opera - dichiara Paolo Giardini, Field Manager Open Fiber di Schio e Thiene- prevede, nei due centri urbani, la posa di un’infrastruttura in fibra ottica pari a 180 chilometri nella città di Schio e 108 chilometri nel territorio di Thiene, con un riutilizzo di infrastrutture e cavidotti già esistenti, soprattutto interrati, superiore all’80%, fattore che permette di limitare i disagi per la circolazione e per i cittadini".