Open Fiber porta fibra ad Asti, già connesse 14mila unità abitative - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Dom, Lug

Open Fiber porta fibra ad Asti, già connesse 14mila unità abitative

Economia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Continuano i lavori di posa dell’infrastruttura in fibra ottica di Open Fiber nella città di Asti. Ad oggi sono 14mila le unità abitative già connesse e la copertura ha interessato i quartieri San Pietro, San Lazzaro, San Paolo, San Rocco, Don Bosco, Tanaro.

Sono già in corso invece gli interventi per l’estensione della rete in fibra ultraveloce nei quartieri di San Silvestro e Cattedrale, mentre sono in fase di ultimazione i lavori in zona Santa Maria Nuova. 

Il progetto complessivo di Open Fiber per la modernizzazione digitale del Paese è stato recepito dal Comune di Asti con una Convenzione con la società, che ha investito nel comune 10 milioni di euro per la cablatura di circa 28mila unità immobiliari, si legge in una nota.  

“Aderendo a questo progetto - sottolinea il sindaco di Asti, Maurizio Rasero - abbiamo ritenuto come amministrazione di offrire un’opportunità per gran parte dei cittadini in tempi ancora lontani dal Covid: la convenzione è stata infatti siglata a luglio 2019. L’arrivo della pandemia ha di fatto generato un surplus di richiesta di alta connettività da parte di tanti lavoratori per non parlare delle esigenze di studenti ed insegnanti attraverso la didattica a distanza che prosegue con le stesse modalità”. Entro metà marzo scatterà un programma continuo e senza interruzioni di ripristini, che prevede l’asfaltatura di circa 37 chilometri di strade partendo dalla zona ad est della città per raggiungere il centro fino alle zone periferiche interessate dagli scavi eseguiti nel corso del 2020.