Covid, Vissani: "Ristoratori di tutt'Italia unitevi" - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
01
Mer, Dic

Covid, Vissani: "Ristoratori di tutt'Italia unitevi"

Economia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Gianfranco Vissani contro le nuove restrizioni imposte dal decreto Pasqua 2021. "Con la zona arancione il cibo lo andiamo a dare ai cinghiali", scandisce lo chef parlando con la La Verità e esortando tutti i suoi colleghi a unirsi. "Loro non dovrebbero pensare solo agli statali. Gli impiegati statali hanno 14 stipendi. Hanno pure qualche incentivo. E ogni mese i soldi arrivano. A noi imprenditori no. Viviamo in un mondo surreale" afferma lo chef.  

Vissani argomenta che i ristoratori nelle grandi città "guadagnano un sacco con il delivery" e che nelle grandi città "i ristoranti sono sempre pieni". "In Italia c'è molto individualismo e manca la coesione tra i ristoratori. Non si rendono conto che l'unione fa la forza" afferma ancora Vissani.