Merlino (Cia): 'dalcampoallatavola.it progetto strategico' - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
01
Dom, Ago

Merlino (Cia): 'dalcampoallatavola.it progetto strategico'

Economia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

"La piattaforma è già operativa, i consumatori possono accedervi e acquistare i prodotti direttamente dai produttori agricoli, senza intermediari. Attualmente sono presenti sulla piattaforma 100 produttori, ma puntiamo ad arrivare ad agosto 2021 a ottocento produttori. Tutto il 'mondo' Cia sta lavorando per questo. Qui non stiamo parlando solo di un semplice sito, ma di 'mettere a terra' un progetto strategico, si piantano i 'semi' per il futuro delle imprese agricole italiane". Così il direttore generale di Cia-Agricoltori italiani, Claudia Merlino, intervenendo alla presentazione di Dalcampoallatavola.it, la prima piattaforma di e-commerce che vede protagonisti gli agricoltori italiani su tutto il territorio nazionale, nata dallo sforzo congiunto tra Cia-Agricoltori Italiani e J.P.Morgan.  

Un progetto, racconta Merlino, nato a marzo scorso con lo scoppio della pandemia e il primo lockdown "quando ci siamo sentiti con J.P. Morgan e abbiamo pensato a un progetto che potesse aiutare contemporaneamente quelle piccole imprese agricole che continuavano a produrre i loro prodotti ma non sapevano come venderli perché i mercati erano chiusi e le persone non potevano circolare liberamente. Abbiamo così pensato all'e-commerce, che era un trend già presente ma che è esploso con la pandemia", sottolinea Merlino.  

E Cia ha puntato a realizzare un portale "utile, a cui i produttori possono accedere con una registrazione semplice, inserire i loro prodotti, ed essere ricercati e contattati direttamente dai consumatori, attraverso diverse keywords, e concludere con loro la transizione per l'acquisto dei prodotti. E in questo modo risolviamo quello che è da tempo uno dei problemi principali dei produttori: la perdita di valore all'interno della catena agroalimentare. Vendendo direttamente al consumatore on line quel valore lo recuperano", sottolinea ancora.  

Ma l'obiettivo di Cia è ancora più ambizioso. "Noi vogliamo che il portale nel tempo si trasformi -spiega- in un vero marketplace in cui il consumatore entra, acquisti prodotti da diversi consumatori, pagando poi un unico scontrino, con un'unica spedizione". E Cia infatti punta a realizzare "un magazzino centralizzato dei prodotti, con minori costi per i produttori stessi", aggiunge ancora Merlino.  

Comunicazione e formazione saranno centrali per il progetto. "La campagna di comunicazione dell'iniziativa sarà forte e anche sui social -spiega Merlino - e sulla formazione dei produttori puntiamo tantissimo: abbiamo già iniziato in 3 regioni ma lo faremo in tutte e 20, con il coinvolgimento di tutto il mondo Cia. E i produttori saranno sempre assistiti da un contact center, non saranno lasciati soli", continua ancora.  

Sì, perchè, conclude Merlino, "questo progetto è stato pensato non solo per funzionare in questo periodo di emergenza, ma è a lungo termine, per guardare al futuro e alla crescita delle imprese agricole, che, visto il contesto in cui viviamo, dovrà passare sempre più dall'innovazione digitale".