Poste, Del Fante: "Con nuovo piano sfide diventano opportunità" - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
01
Mer, Dic

Poste, Del Fante: "Con nuovo piano sfide diventano opportunità"

Economia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Il piano '2024 Sustain & Innovate' (24 Si) "trasforma le sfide in opportunità grazie alla solidità e alla flessibilità del nostro approccio strategico al business. Confermeremo con un 'Si' la nostra promessa di raggiungere i nostri obiettivi per il 2024. Poste Italiane è il più prezioso motore di innovazione e digitalizzazione del Paese, che collega fisicamente e digitalmente clienti, cittadini, imprese e Pubblica Amministrazione". E' quanto ha detto Matteo Del Fante, amministratore delegato e direttore generale di Poste Italiane, nel commentare il nuovo piano strategico attraverso il quale "siamo in grado di costruire e crescere sulle solide basi gettate dal 'Piano Deliver22', con obiettivi raggiungibili in tutte e quattro le nostre divisioni di business", ha aggiunto. 

Come ha ricordato Del Fante, "i ricavi cresceranno costantemente per tutto l’arco di piano, con il risultato operativo e l’utile netto in aumento rispettivamente del 5% e del 6% (cagr), generando una crescita incrementale dell'Ebit tra il 2019 e il 2024 pari a 0,4 miliardi di euro. Dopo un incremento del 14% nel 2021, il dividendo per azione beneficerà di una crescita annua del 6%. La trasformazione del segmento Corrispondenza e Pacchi è in piena implementazione, e sarà la prima volta che i pacchi avranno una incidenza sui ricavi più elevata rispetto alla corrispondenza, mentre diverremo un player logistico a 360 gradi con un business sostenibile". 

"Nei servizi finanziari e assicurativi la priorità è diventare il principale punto di riferimento per tutte le esigenze dei clienti, dal risparmio alle assicurazioni e ai prestiti, grazie a servizi di consulenza data driven, attraverso tutti i canali di distribuzione di Poste Italiane. Sfrutteremo - ha proseguito - le competenze di cross-selling e up-selling nel segmento Pagamenti e Mobile, confermando la leadership nei pagamenti digitali, introducendo l’offerta di connessione a banda larga ed entrando nel 2022 nel mercato dell’energia, con un'offerta equa, competitiva e di semplice comprensione". 

Inoltre, ha detto Del Fante, "la nostra strategia di creare un'architettura basata su cloud, ha portato il Gruppo ad essere il più grande utilizzatore di servizi cloud in Italia. Stiamo fornendo nuovi prodotti e servizi che aiuteranno i nostri clienti, le imprese, la Pubblica Amministrazione e il Paese negli anni a venire, con l'impegno di creare valore significativo per tutti gli stakeholder. Le nostre persone si sono dimostrate essenziali per il nostro successo e continueremo ad investire su di loro". 

''Poste resta un punto centrale e importante per i cittadini e le comunità locali, grazie a servizi innovativi dovuta agli investimenti per le infrastrutture e la digitalizzazione'', ha sottolineato ancora Del Fante durante la conferenza stampa.  

''Siamo su un percorso di crescita e il nuovo piano ci darà nuove opportunità'', ha aggiunto. E ha proseguito: ''Abbiamo un management solido e di comprovata esperienza e i nostri azionisti potranno usufruire di politica remunerativa generosa. Anche nel 2020 abbiamo distribuito il dividendo e continueremo a farlo nei prossimi anni''. 

Molto importante poi la digitalizzazione: ''Il trend del mercato previsto nel nostro piano del 2018 era corretto e la pandemia li ha accelerati, con la crescita dei pacchi e dell'utilizzo dei pagamenti digitali e l'interazione digitale con la Pa'', ha continuato Del Fante.  

''Siamo l'azienda con la più grande fedele base clienti, ben 35 milioni di italiani e una rete capillare nel Paese con un numero di contatti di 11 milioni in media'', ha specificato.  

Un esempio è l'identità digitale Spid, "distribuita per oltre 80% da Poste che ne gestisce gli accessi. Si tratta di circa 15 milioni di italiani'', come ha ricordato l'ad di Poste Italiane. 

Un altro aspetto centrale del Piano 2024 Sustain & Innovate è la sostenibilità, ha spiegato Del Fante: "A conferma della rilevanza dei temi ambientali per la nostra strategia, Poste Italiane diventerà un’azienda a zero emissioni nette entro il 2030".  

Il piano '2024 Sustain & Innovate' mira, si legge nel documento, "a conseguire una crescita responsabile e accompagnare il percorso di sostenibilità e di integrità sociale dell'Italia, con una strategia strutturata su 8 pilastri e pienamente allineata agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite". 

''L'obiettivo di sostenibilità è ridurre al 30% le emissioni totali del gruppo nel 2025 e al 2030 arrivare alla 'carbon neutrality', anche attraverso il rinnovo della flotta green e gli edifici sempre meno inquinanti''. 

Del Fante ha sottolineato anche il ruolo di Poste italiane nel piano vaccinazione nazionale: "Siamo orgogliosi del nostro ruolo chiave, con circa 2 milioni di dosi di vaccino già consegnate, a sostegno dell'Esercito Italiano, grazie alla nostra piattaforma tecnologica nativa su cloud". 

Nel piano strategico '2024 Sustain & Innovate', infatti, Poste ribadisce la volontà di "confermare" il proprio ruolo "come pilastro strategico per l'Italia", continuando "a svolgere un ruolo fondamentale nel piano vaccinale".