Alitalia, Giorgetti: "Questa settimana decisiva" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
15
Mar, Giu

Alitalia, Giorgetti: "Questa settimana decisiva"

Economia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Nella trattativa su 'Ita' in corso con la Commissione europea nel nome della 'discontinuità' con Alitalia, "io penso che questa sarà una settimana decisiva". Lo sostiene il ministro dello Sviluppo Economico, Giancarlo Giorgetti, durante un confronto alla scuola politica della Lega. Tra l'altro, "sono attese per la fine di aprile - spiega - le sentenze sugli aiuti di Stato ad Alitalia di un mondo del tutto diverso da quello attuale. Io auspico che la trattativa porti a una soluzione positiva, la sta conducendo il Mef", sottolinea, ricordando che "lo Stato italiano ha deciso di mettere in questa partita, sugli aumenti di capitale, 3 miliardi di risorse pubbliche che non significano disimpegno da parte dello Stato. Il Governo italiano si impegna qui come da altre parti. Deve fare un bilanciamento su come investire le risorse: ci sono tanti altri settori che sono in sofferenza".  

Su Alitalia "la discussione che in questo momento abbiamo in corso con la Commissione europea, anche in questi giorni e anche in queste ore, è un confronto molto serrato", detto il ministro. "Da parte del Governo c'è la volontà di avere una compagnia competitiva che possa assolvere alle sue funzioni di collegamento turistico, abbia una prospettiva, e che sia destinata con il tempo, con la ripresa dei flussi turistici, a espandersi", aggiunge. Quello con l'Europa "è un braccio di ferro in cui ciascuno porta le proprie ragioni, in nome del principio della concorrenza", sottolinea. 

Il Governo non è "prono" davanti alla Commissione europea, ha sottolineato Giorgetti. "E' chiaro che se noi fossimo stati proni alle richieste la trattativa sarebbe stata chiusa mesi fa. La trattativa non è chiusa, non siamo oggettivamente in vantaggio, ma stiamo cercando di negoziare al meglio in una situazione complessa, diversa da quella di altre compagnie", ha spiegato. Anche il premier Mario Draghi "lo ha dimostrato. C'è un concetto di europeismo non prono e non scontato. E' quello che abbiamo sempre detto anche noi, dobbiamo avere la statura e l'autorevolezza per difendere i nostri interessi in Europa". 

In questo scenario, "si inserisce il tema delle altre compagnie, Air France e Lufthansa: hanno avuto aiuti di Stato cospicui, ma stanno male anche loro. E' un difficile equilibrio tra interesse nazionale e la necessità di avere una compagnia che non replichi gli errori del passato: noi siamo arrivati a questa crisi con una compagnia fallita, Francia e Germania no, avevano compagnie strutturate", ha puntualizzato.  

“Per quanto riguarda il personale non coinvolto nella nuova Ita ci sarà chiaramente un piano di ammortizzatori sociali e di riqualificazione professionale. La prospettiva di Ita è di aumentare il proprio spettro di attività. Il piano di ammortizzatori sociali e di politiche attive del lavoro è già allo studio con il ministro Orlando", ha detto Giorgetti. "Per quanto riguarda il cargo - continua - il piano industriale di Ita in discussione che non si concentra particolarmente sul cargo. In prospettiva credo che sia contemplato, ma al momento non è il focus della missione aziendale".