Mutti (Centromarca), ‘Regole semplici per le imprese e tempi rapidi per la giustizia’ - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
16
Dom, Mag

Mutti (Centromarca), ‘Regole semplici per le imprese e tempi rapidi per la giustizia’

Economia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Poche regole semplici per le imprese e tempi rapidi per la giustizia: lo ha chiesto Francesco Mutti, presidente di Centromarca, rispondendo al direttore del Corriere della Sera Luciano Fontana, durante la web conference “Legalità e concorrenza per il futuro del Paese”, che si è svolta nella Sala Buzzati del Corriere della Sera e trasmessa in streaming. L’intervista ha aperto il primo incontro del ciclo “I valori della Marca”, promosso da Centromarca in collaborazione con il quotidiano di via Solferino.  

“L’Italia deve uscire da questa emergenza con la consapevolezza che gli ultimi 20 anni non hanno prodotto crescita, e questo per varie ragioni: c’è un elemento demografico, ma anche altri motivi come il fardello burocratico e una certa disparità nell’applicazione delle leggi. Chiediamo una base comune, una legalità che non vada a distorcere la concorrenza”.  

Massimiliano Valerii, direttore del Censis, ha invece posto l’accento su quello che ha chiamato il “caso Italia”: "Per il 91% degli imprenditori la corruzione è un fenomeno endemico, rispetto al 63% dei paesi europei, ed è importante far emergere in maniera esplicita il conflitto di interessi tra il vantaggio dei pochi che trasgrediscono le regole e il danno subito dall’intero sistema a causa dell’alterazione della concorrenza. Il Recovery Plan dovrà includere la legalità, cardine fondamentale per una crescita equa e inclusiva".